• novembre: 2018
    L M M G V S D
    « Ott    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  
  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 1.360 follower

  • Statistiche del Blog

    • 285.284 hits
  • Traduci

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

    Segui assieme ad altri 1.360 follower

“È tutto nella tua testa”: intervista a Suzanne O’Sullivan


La mente fa stare male? Domanda retorica. Basta una brutta notizia giunta all’improvviso. Una discussione accesa. Una lite. Basta questo per sconvolgerci, magari per ore, giorni, settimane. Addirittura mesi e anni, se si tratta di una perdita, lavorativa o economica, oppure di un lutto. È esperienza comune, quotidiana, il fatto che quella e-tutto-nella-tua-testa-148819funzione di ordine superiore emergente, rispetto al cervello, che chiamiamo “mente”, in quanto tale, eserciti la propria funzione su attività neuronale, sinapsi, biochimica cerebrale. E, a cascata, anche nell’arco di pochi millesimi di secondo su nervi, muscoli, apparati. Funzioni.

Se vogliamo mantenerci cauti, non asserendo che la mente possa farci ammalare, sicuramente produce disturbi. Non meno invalidanti e dolorosi, a volte, di quelli che riconoscono una causa fisica. Ma del resto come possiamo tracciare un confine netto tra “organico” e “psicologico”?

Una semplice, e non è mai tale, forte emozione, produce modificazioni nel nostro corpo. Possiamo arrossire. Avere il battito cardiaco accelerato. Difficoltà respiratorie. Sudorazione. Voce tremante. Uno stato di stress può produrci tensione muscolare al collo, alle spalle. E pensiamo a tutti i sintomi invalidanti, gli sconvolgimenti fisici che può dare un attacco di panico. E, del resto, anche malattie di cui possiamo riconoscere una causa organica, alla fin fine, possono avere origine nei nostri scorretti stili di vita. Quindi, di conseguenza, nella nostra mente, nel nostro cervello. Nelle nostre scelte alimentari, ad esempio. Nei nostri comportamenti. Se facciamo  o non facciamo regolare, anche se moderata, attività fisica, ad esempio. Se facciamo uso di alcol. Se fumiamo. Se facciamo uso di altre sostanze tossiche.

Ma c’è un intero settore della medicina che è quello dei disturbi funzionali o di conversione. Quelli per cui molti medici sono ancora portati a dire: “lei non ha niente”. E se uno sta male, senza avere “niente” di organico, la diretta considerazione è: “è tutto nella testa”. Nella mente. Nella psiche. Insomma, in qualcosa che non possiamo più definire “anima”, ma che è altrettanto indefinibile. I nostri pensieri. Soprattutto quelli che sono al di sotto della soglia della consapevolezza. I nostri conflitti. Le nostre emozioni che si traducono, come detto, si “convertono”, si esprimono in sintomi fisici. Conflitti profondi che non trovando modo di esprimersi a parole, trovano una loro espressione, dolorosa, nel linguaggio del corpo. Tutta la materia inerente la vecchia “medicina psicosomatica” pareva tuttavia soppiantata da quel settore dal nome chilometrico: la psiconeuroendocrinoimmunologia o, in sigla, Pnei.

Ma Suzanne O’Sullivan, autrice di questo straordinario libro dal titolo È tutto nella tua testa. Il misterioso mondo della medicina psicosomatica (Mondadori) non solo  rivendica con energia il pieno diritto di cittadinanza alla medicina psicosomatica, ma se ne fa notevole studiosa e interprete. Tenendo conto che Suzanne O’Sullivan è primario di neurologia e dirige il reparto di neurofisiologia e neurologia clinica del National Hospital for Neurology and Neurosurgery di Londra.

Dopo il primo capitolo di questo libro intitolato “Lacrime” in cui Suzanne O’Sullivan ci introduce nella sua storia e nei suoi percorsi di medico specialista in neurologia, nelle difficoltà che ogni medico, soprattutto neurologo, incontra nel  comunicare al paziente una origine psicogena dei suoi mali, e magari indirizzarlo presso uno psichiatra. Con reazioni, da parte del paziente, a volte disorientate, accese, offensive e persino aggressive nei confronti del medico (“sta dicendo che sono matto?!”), ogni capitolo successivo parte da un nome, da un caso clinico reale affrontato da Suzanne O’Sullivan. Con tutti gli addentellati di indagini diagnostiche, visite, consulti, colloqui conflittuali con il paziente e i suoi familiari, prima di arrivare alla diagnosi di disturbo psicosomatico. Che non è, sottolinea con decisione Suzanne O’Sullivan, una diagnosi per esclusione. Certo, non si fa diagnosi di disturbo di conversione, senza prima escludere possibili origini organiche. Ma il disturbo di conversione necessita di altrettanti preparazione e acume clinico, anche se apparentemente proteiforme e sfuggente.

«Quindi», scrive Suzanne O’Sullivan, «come possiamo essere sicuri di una diagnosi che si presenta in modo così inconsistente? Spesso i medici rifuggono  il confronto con pazienti  affetti da sospetti disturbi psicosomatici proprio per questo motivo. La diagnosi è troppo difficile da dimostrare e quindi non sarà accettata facilmente. E se il futuro dovesse portare con sé nuovi strumenti diagnostici e rivelare che la diagnosi era sbagliata? In un certo senso siamo ancora fermi al XVIII secolo, quando si evitava di formulare un giudizio definitivo per il reciproco vantaggio di medico e paziente. E questo vale soprattutto per i sintomi soggettivi e non misurabili». E più avanti Suzanne O’Sullivan aggiunge: «Ecco dove la neurologia si differenzia da altre branche specialistiche. Ha sempre avuto una relazione stretta con i disturbi psicosomatici e ha persino attribuito loro un nome specifico, “disturbi di conversione”, come se la conversione dello stress in paralisi o crisi epilettiche, anziché in dolore e stanchezza, fosse in qualche modo speciale, mentre non lo è. Un sintomo non è più significativo di un altro».

A sua volta un grande clinico, sulle cui pagine si sono formati generazioni di medici, nella parte introduttiva dedicata al tema “I malati funzionali e le malattie psicosomatiche” del suo famoso trattato a più mani di Medicina interna sistematica, Rugarli dice: «Si potrebbe obiettare che questa è una patologia psichiatrica o, comunque, psicopatologica che è di pertinenza specialistica, ma io non sono del tutto d’accordo. Secondo me esiste una zona grigia tra medicina interna e psichiatria che non permette diSuzanne O'Sullivan stabilire con certezza dei confini definiti. Il fatto è che questi malati travestono i loro problemi psicologici con sintomi pertinenti alle malattie organiche non psichiatriche e cercano soccorso da chi ritengono che sia competente di questa patologia». Ed è una “generica ricerca di aiuto”, aggiunge Rugarli, la prima spinta che porta il paziente psicosomatico dal medico. La sua sofferenza è reale. Sta la medico trovare la soluzione, anzi l’interazione terapeutica, più appropriata. Abbiamo chiesto direttamente a Suzanne O’Sullivan di chiarirci alcuni aspetti del suo libro.

Ogni capitolo del suo libro, a parte il primo, si basa su un caso clinico che lei ha seguito,  per poi allargare la discussione ai temi generali della psicosomatica: quali sono le caratteristiche comuni tra le persone più predisposte a questi disturbi?

Non esiste un singolo tipo di persona che sviluppa un disturbo psicosomatico. Può succedere a chiunque. È però vero che alcune persone sono più inclini  rispetto ad altre. Ad esempio, le persone che soffrono di ansia o depressione hanno maggiori probabilità di esserne colpite. Tuttavia, tutti siamo vulnerabili e con i trigger e gli stressor giusti, chiunque di noi potrebbe esserne interessato.

Nel suo libro dice: “Credo nella natura inconscia e incontrollabile della disabilità psicosomatica e la accetto”. Sulla base delle scoperte in neuroscienze, come definirebbe l’inconscio oggi?

La comprensione della coscienza è stata definita dai filosofi il “problema difficile”. Neuroscienziati e filosofi non hanno ancora concordato alcuna definizione o spiegazione per questo problema difficile. La coscienza suggerisce una consapevolezza di sé. L’inconscio risiede al di fuori del dominio della nostra consapevolezza. Per un neuroscienziato le menti consce e inconsce sono una funzione delle connessioni tra le diverse aree del cervello, ma nessuno sa esattamente come funzionino. La domanda che sorge sempre per i miei pazienti è se siano coscientemente consapevoli del fatto che i loro sintomi hanno una causa psicologica. Soffrono di problemi estremi come la cecità, la paralisi completa e le frequenti convulsioni. Poiché non vi è alcuna malattia cerebrale, i pazienti spesso si trovano accusati di “fingere” di essere disabili. Non ho dubbi sul fatto che le disabilità psicosomatiche siano generate in modo inconscio e al di fuori del controllo della persona colpita. L’evidenza è nel modo in cui cercano assistenza medica. I pazienti giungono all’osservazione attraverso medici che chiedono scansioni e test. Quando i primi test sono normali, sono sinceramente scioccati e chiedono ulteriori test. I sintomi fisici sono così reali e la causa psicologica così inaccessibile per loro che non riescono a credere che non ci sia alcuna malattia sottostante. Per coloro che hanno bisogno di prove scientifiche, sono stati fatti degli studi per cercare di capire cosa sta succedendo nel cervello delle persone con paralisi psicosomatica. La risonanza magnetica funzionale ha dimostrato che le persone con paralisi psicosomatica hanno modelli insoliti di connessioni tra le parti emotive del cervello e le aree di controllo motorio. Scansioni simili nelle persone a cui viene chiesto di fingere deliberatamente di essere paralizzate mostrano uno schema completamente diverso. Ciò dimostra che la paralisi psicosomatica non è la stessa cosa che fingere di essere paralizzati.

Diversi medici rifiutano il termine “psicosomatico”, preferendo, ad esempio, il concetto di “psiconeuroendocrinoimmunologia” (Pnei). Cosa ne pensa di questa disciplina?

Il termine psicosomatico può essere controverso e i disturbi psicosomatici vengono costantemente rinominati. I disturbi psicologici sono stigmatizzati e la ridenominazione è spesso un tentativo di affrontare lo stigma. Nuovi nomi spesso cercano di allontanarsi da cause e meccanismi che sono radicati nel comportamento e nella psiche, e invece enfatizzano i meccanismi fisiologici per i sintomi. Mentre capisco perché questo venga fatto, nello stesso tempo non mi trova d’accordo. Penso che tale approccio risolva il problema sbagliato. Ogni singola cosa che accade ai nostri corpi è “fisiologica”. Ma questo è il risultato finale di un problema psicosomatico, non la causa. Per esempio, se sono ansioso e il mio cuore accelera, il problema fisiologico è che il mio cuore batte troppo velocemente a causa di un rilascio di ormoni e un cambiamento nel mio sistema nervoso autonomo. Ma non ho problemi di cuore, e concentrarmi su quel cambiamento fisiologico distoglie l’attenzione dalla vera domanda. Cosa mi sta rendendo ansioso e come può essere trattato? Una spiegazione organica e un’etichetta che enfatizza la natura fisica del problema, spesso è meglio accolta dai pazienti. Il mondo è ancora molto critico nei confronti dei disturbi psicologici. Penso che dovremmo spendere le nostre energie per ridurre lo stigma e affrontare le incomprensioni su queste condizioni, piuttosto che cercare di trovare etichette più accettabili.

Concordo sul fatto che, come medici, al di là delle etichette, è necessario prima di tutto intervenire sulle sofferenze dei pazienti. Questo a livello clinico. Ma in termini di ricerca, non pensa che la Pnei possa essere un tentativo di ricerca sulle vie nervose e biomolecolari (sistema nervoso autonomo, sistema immunitario, sistema neuroendocrino ecc.) che innescano disturbi e alterazioni psicosomatiche? Alla fine, come neurologo, sarà d’accordo sul fatto che tutto ciò comunque riconduce al cervello e al sistema nervoso. Viceversa, non pensa che nel termine “psicosomatico” si corra  il rischio  di richiamare in vita vecchio dualismo mente-corpo?

Rimango con la risposta che le ho dato. Sì, tutto è fisiologico, ma non vedo alcun beneficio derivante dall’uso di termini confusi che enfatizzano il cambiamento fisiologico piuttosto che la causa del cambiamento fisiologico. Non ho mai sentito parlare di Pnei, è una terminologia che non utilizziamo nel Regno Unito. Mi sembra un modo di evitare del tutto la “mente”.

La vecchia psicosomatica parlava di “organi bersaglio” più predisposti ad essere alterati da disturbi psicosomatici: è ancora così?

Qualsiasi parte del corpo può essere influenzata da sintomi psicosomatici e ogni tipo di specialista medico vede questi disturbi. Organismi storicamente specifici come l’utero o la milza o lo stomaco sono stati implicati come parte della causa o più vulnerabili ai sintomi, ma in realtà questo è un disturbo di tutto il corpo. I sintomi sono vari, come la mancanza di respiro, dolori articolari, convulsioni, mal di testa, palpitazioni, eruzioni cutanee. I disturbi psicosomatici possono assumere forme molto diverse in persone diverse. Inviterei le persone a considerare l’enorme gamma delle loro risposte fisiche agli aspetti emotivi. Lacrime. Mani tremanti. Agitazione vocale. Arrossamento. Diarrea. Minzione frequente. Qualsiasi sintomo che una persona possa immaginare, ha trovato un corrispettivo in un disturbo psicosomatico in un certo momento storico.

Quali test biologici usa per diagnosticare i disturbi psicosomatici? Ad esempio, il dosaggio del cortisolo è utile? Le indagini con neuroimaging sono utili?

I test non sono molto utili nella diagnosi dei disturbi psicosomatici. La diagnosi è di tipo clinico basata su aspetti positivi nella storia clinica e su un modello tipico di sintomi per i disturbi psicosomatici. Spesso il più grande indizio per chi ha sintomi neurologici è che i sintomi sono “impossibili”, non hanno senso anatomico, cioè non si adattano all’anatomia del sistema nervoso. Di solito vengono effettuati alcuni test, solo per essere certi che non vi sia alcuna malattia organica sottostante. È importante che le persone capiscano che i disturbi psicosomatici non sono una “diagnosi di esclusione”, vale a dire una conclusione alla quale il medico arriva solo perché non riesce a trovare altre spiegazioni sulle scansioni. Se un medico vede un paziente con asma, diagnostica l’asma, perché i sintomi descritti dal paziente e le risultanze all’esame si adattano a questo disturbo. I disturbi psicosomatici sono diagnosticati allo stesso modo, perché il modello e così i sintomi e i risultati positivi indirizzano a tale diagnosi.

 Le recenti scoperte sull’epigenetica, in particolare sulla relazione cervello-ambiente, sono utili per il trattamento di disturbi psicosomatici?

Mentre ci sono indubbiamente influenze genetiche, storiche e culturali sul modo in cui esprimiamo i sintomi psicosomatici, non penso che l’epigenetica sia molto utile quando si tratta di trattamento. Rendere le persone migliori dipende dall’aiutarli a visualizzare i sintomi in modo diverso nel qui e ora.

Le tecniche meditative come la mindfulness sono utili per gestire i disturbi psicosomatici, specialmente lo stress?

Certamente la meditazione e la mindfulness possono aiutare alcune persone con sintomi psicosomatici, ma ciò dipende molto dal tipo di sintomi e dalla ragione per cui si sono verificati. Alcuni sintomi e disabilità potrebbero essere peggiorati dal tipo di attenzione alla respirazione e alle sensazioni corporee che vengono consigliate con alcune tecniche meditative. Il trattamento deve essere personalizzato per l’individuo ed è meglio essere consigliato da uno psicologo che comprende questi disturbi.

In definitiva: i disturbi psicosomatici sono inevitabili per la natura umana o possiamo farne a meno?

I sintomi psicosomatici sono inevitabili, ma servono anche a uno scopo molto utile nelle nostre vite. Non sono solo dannosi. Sintomi come la dissociazione possono aiutare le persone a superare momenti traumatici. Offrono un “time out” quando le cose si fanno troppo gravose. Proteggono dal sovraccarico. Altri sintomi sono il modo in cui i nostri corpi ci dicono che non stiamo bene. Ci ricordano di badare meglio a noi stessi. Personalmente apprezzo i sintomi fisici che avverto se sono stressata, perché mi ricordano di riposare e di affrontare la fonte dello stress, piuttosto che ignorarlo. I sintomi psicosomatici sono inevitabili, ma se le persone imparano a riconoscere come il proprio corpo risponde allo stress, possono trarne beneficio.

Quali reazioni ha sollevato il suo libro tra i suoi colleghi neurologi?

Mi ha fatto molto piacere che i miei colleghi, neurologi e non neurologi, abbiano accolto molto bene il mio libro. Vedono pazienti con sintomi psicosomatici tutto il tempo ma, proprio come me, molti non hanno avuto alcuna formazione su come aiutare le persone con questi problemi. I miei colleghi medici hanno espresso gratitudine per aver avviato una discussione su questo problema.

 

Cancro e psiche: esiste una connessione?


STRESS.jpgDiciamo subito che la risposta definitiva non esiste. Però si è aggiunto uno studio su decine di migliaia di casi, comprendente adolescenti, adulti e anziani, uomini e donne, durato quasi dieci anni in Inghilterra e, in misura minore, in Scozia. Lo studio di epidemiologia osservazionale (pazienti seguiti per anni riguardo le loro diagnosi di malattia e di morte per neoplasie) intendeva indagare, attraverso consensuale studio delle loro cartelle cliniche e somministrazione di questionari sulla salute generale, quali rapporti potessero esserci tra disagio mentale (ansia e depressione, o in termine unico “distress”, lo stress negativo) e sviluppo o aggravamento dei tumori. A dare diffusione dello studio non è una oscura rivistina New Age o di medicina olistica, ma bensì il numero più recente del British Medical Journal.

Se parliamo di psiche in generale, quindi di cervello, sistema nervoso e corpo, non arriveremo mai a capo di una questione così complessa e multifattoriale come quella dei rapporti tra cancro e psiche. Prima di tutto, perché non esiste un solo tipo di cancro. Secondo, perché nello sviluppo dei vari tipi di tumore, entrano in ballo genetica ed epigenetica. Nell’epigenetica, vale a dire i fattori che possono innescare un processo neoplastico, possiamo elencare gli stili di vita (sedentarietà, obesità, fumo, alcol), quelli ambientali (inquinamento, status socio-economico), ma pure quelli psicologici (ansia, depressione, stress). Che ruolo hanno questi ultimi?

Mentre vi sono sempre maggiori evidenze che il disagio psicologico cronico, lo stress cronico, hanno un ruolo importante nello sviluppo e aggravamento delle malattie cardiovascolari (malattie coronariche, infarto e ictus), altrettanto non si può dire del rapporto tra disagio psicologico e cancro. Non lo si può affermare come rapporto diretto, cioè di causa-effetto (il disagio psicologico, lo stress cronico, non provocano il cancro), ma possiamo ipotizzare che vi sia un rapporto “indiretto”: il disagio psicologico, lo stress cronico, sono predittivi di un aggravamento del cancro? Questo studio tende a rispondere affermativamente.

Bella forza, si dirà. Se uno sa di essere un malato grave di cancro, è ovvio che sviluppi ansia e depressione. Certo. Però tra i 163.363 soggetti seguiti dallo studio, vi erano pure casi in cui il cancro non era ancora stato diagnosticato (malattia subclinica). E già manifestavano sintomi di ansia, depressione e stress cronico.

«I nostri risultati – scrivono gli autori – potrebbero essere importanti nel promuovere la comprensione del ruolo del disagio psicologico (distress) sia nell’eziologia che nella progressione del cancro, così come si sta cercando di accertare come questo e altri fattori psicologici (quali lo stress psico-sociale, la cognizione, la personalità, la soddisfazione di vita) possano, eventualmente, giocare un ruolo nella prevenzione e nella prognosi».

Le ipotesi aperte a tale riguardo, sono molteplici, sia organiche che comportamentali. Chi è cronicamente in preda a disagio psicologico, tende ad avere stili di vita meno salutari: magari mangia male, beve, non fa attività fisica regolare, dorme male, fuma, tende a non fare controlli medici regolari, tende a non seguire le prescrizioni e le cure mediche. Come si usa dire in termini popolari: tende a lasciarsi andare. Ma quali meccanismi biologici potrebbero entrare in gioco nei rapporti tra cancro e stress? Come dicono gli autori di questo studio: «L’esposizione ricorrente a stress emotivo potrebbe diminuire  la funzione delle cellule natural killer, implicate nel controllo delle cellule tumorali. Di particolare rilevanza per i tumori ormone-correlato è il suggerimento che i sintomi della depressione potrebbero portare a disregolazione dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene, aumentando le concentrazioni di cortisolo, diminuendo le difese immunitarie e incrementando le risposte infiammatorie, inibendo di conseguenza la riparazione del Dna, sfavorendo così i processi di difesa verso il cancro».

Dallo studio è emerso che la causalità inversa (disagio psicologico che si traduce in comportamenti negativi per la salute) è un fattore di rischio importante non solo per le malattie cardiovascolari, ma pure per i tumori (in particolare per il carcinoma del colon-retto, della prostata, del pancreas, dell’esofago e per la leucemia). Come dicono gli autori “l’avvio dei tumori non è un semplice processo stocastico”, cioè un innescarsi casuale di divisioni cellulari abnormi. Ma dipende anche da noi. Sicuramente da come trattiamo il nostro corpo e il nostro ambiente. Forse anche da come trattiamo la nostra mente e le nostre emozioni. E rimangono validi le plurisecolari indicazioni empiriche: mente sana in corpo sano, cuor allegro il ciel l’aiuta.

G David Batty, reader in epidemiology, Tom C Russ, Marjorie MacBeath intermediate clinical fellow, Emmanuel Stamatakis, associate professor, Mika Kivimäki, professor of social epidemiology. Psychological distress in relation to site specific cancer mortality: pooling of unpublished data from 16 prospective cohort studies
BMJ 2017; 356 doi: https://doi.org/10.1136/bmj.j108 (Published 25 January 2017)
Cite this as: BMJ 2017;356:j108 http://www.bmj.com/content/356/bmj.j108

Sei socievole? Ecco il segreto


socialeSul supplemento del Corriere della Sera, La lettura del 21 agosto, un articolo a cura di Giuseppe Remuzzi sviluppa un tema da me ampiamente trattato nel libro “Il cervello anarchico” e ripreso in collaborazione con il coblogger Pierangelo Garzia nel libro “Mitocondrio mon amour” entrambi editi da Utet.  Si tratta delle relazioni fra sistema immunitario e cervello.

In questo articolo di Remuzzi viene riportato uno studio pubblicato dalla rivista Nature e condotto da un gruppo di neuroscienziati dell’Università della Virginia. In tale studio, lavorando su topolini di laboratorio, si  è dimostrato che aumentando la produzione di interferone gamma prodotto dai linfociti T del sistema immunitario i topi diventavano più socievoli. Inibendo invece questa produzione gli animali di laboratorio perdevano socialità fini quasi a diventare autistici. Ma non è finito qui, in quanto i ricercatori sono riusciti a dimostrare che l’attività dell’inteferon gamma si realizzava in prevalenza sulle cellule cerebrali delle regioni prefrontali cioè quel tratto di neo corteccia che ha caratterizzato l’evoluzione dell’homo sapiens.

Da sempre come clinico mi sono impegnato verso i miei pazienti a prescrivere sostanze farmacologiche o fitoterapici attivatori del sistema immunitario al fine di migliorare la loro qualità di vita sia per quanto riguarda il tono dell’umore che la difesa dalle malattie e quest’ultima interessante scoperta conferma l’importanza delle relazioni fra sistema immunitario, sistema neuroendocrino e cervello nella evoluzione dell’homo sapiens. Ricordo il caso di una giovane paziente a cui avevo prescritto il fitoterapico in goccie estratto dal pelargonium sidoides (Kaloba il nome commerciale) indicato come prevenzione sulla bronchiti e molto attivo sulle celle macrofagiche a cui gli amici chiedevano se non avesse assunto cocaina considerata l’allegria che questa sostanza le induceva.

Emozioni, cuore e cervello (terza parte)


BrokenQuando a una persona diciamo “non ti arrabbiare, ti fa male al cuore!”, oggi siamo sostenuti non soltanto dalle constatazioni popolari, ma pure dalla ricerca. Un recente studio australiano rileva che un attacco di rabbia, ma pure un intenso stato d’ansia, in soggetti con occlusione coronarica, possono mettere a rischio di infarto fino a due ore successive all’evento emotivo acuto. Le forti emozioni, soprattutto rabbia e attacchi d’ansia, dicono gli autori di questa ricerca, si accompagnano a una biochimica che dal cervello, attraverso il sistema nervoso periferico, può influenzare direttamente il cuore.

Al punto tale da potersi definire l’evento emotivo acuto come un “trigger” che innesca la reazione cardiaca avversa. Questa la notizia negativa. Quella positiva: possiamo educare la nostra mente e i nostri comportamenti, soprattutto se soffriamo di cuore. Possiamo agire a posteriori, quanto prima possibile, anche farmacologicamente, nel malaugurato caso di un litigio, una potente arrabbiatura, soprattutto in famiglia o al lavoro. Circostanze in cui, dicono i ricercatori, sono stati rilevati gli attacchi emozionali più violenti e deleteri (“mi sentivo molto arrabbiato, il corpo era teso, stringevo i denti ed i pugni”). Ecco che allora, quando si profila una violenta litigata tra partner, o tra colleghi di lavoro, e uno dei due gira i tacchi e se ne allontana, a prima vista può apparire una fuga, ma dal punto di vista di cuore e cervello, la manifestazione di un istinto di sopravvivenza.

E’ come se il cuore e le vie di diffusione del sangue, valvole cardiache e arterie, si restringessero sotto l’influsso delle emozioni distruttive. In particolare della rabbia e di quelle emozioni che, protratte nel tempo, la generano: gelosia, ostilità, rancore, collera. Ancora una volta gli assunti popolari avevano colto nel segno: “hai il cuore di pietra”, “il tuo cuore è chiuso”, “hai un cuore nero”. E oggi la scienza è sempre più sulla via non solo di dimostrarlo, ma anche di proporre rimedi. Magari mediandoli dalle sempiterne tecniche di meditazione orientali, come la respirazione lenta, già suggerita da numerosi cardiologi ai propri pazienti ipertesi e cardiopatici. Tutto ciò si riconduce a un concetto che è clinico, ma suona pure poetico: “coerenza cardiaca” o “coerenza psicofisiologica”.

E’ quando mente e corpo sono in armonia, ci sentiamo in pace con noi stessi, il cuore ha un battito regolare, neanche lo avvertiamo. Se registrassimo l’attività elettrica del cervello con un encefalogramma, le onde cerebrali sarebbero alfa e beta. Condizione per cui, spiegano gli studiosi, l’attività cerebrale si sicronizza con il ciclo cardiaco. Insomma, cuore e cervello suonano assieme la stessa armonia. Le cose si invertono quando siamo preda di emozioni distruttive. La coerenza psicofisiologica salta, e il cuore ne risente. Se le emozioni negative sono croniche e protratte troppo a lungo nel tempo, i rischi per il cuore aumentano. Senza bisogno di tanti strumenti di controllo, ognuno di noi sa che in preda alla rabbia non si sta bene. C’è una sensazione di tensione muscolare. Il cuore batte più forte. Ci sentiamo il volto infuocato.

Tutto ciò corrisponde ad alterazioni psicofisiologiche: aumentano ritmo respiratorio, frequenza cardiaca e tensione arteriosa. E fin dagli anni Ottanta del secolo scorso, tutta una serie di studi epidemiologici hanno mostrato un rischio più alto di incidenti cardiovascolari nelle persone abitualmente colleriche. Una esplosione di collera non solo può guastare irrimediabilmente i rapporti, ma anche le fibre del nostro corpo. Ed ecco che i cardiologi hanno cominciato a suggerire ai loro pazienti: “cerchi di non prendersela, di non arrabbiarsi troppo”. Non è possibile eliminarla del tutto: la collera è una reazione primordiale, iscritta nel nostre cellule. Però tra reprimere la rabbia e lasciarla esplodere in modo incontrollato, esiste una sana via di mezzo. E’ utile allenarsi: tante piccole prove di collera per arrivare, quando necessita, a non esserne accecati. E lasciando così cuore e cervello un po’ più freddini, ma “coerenti”.

Da secoli il pensiero buddista indica le emozioni distruttive (rabbia, odio, ostilità) come ostacolo non solo all’evoluzione della coscienza personale e delle relazioni umane, ma anche deleterie per la salute del nostro corpo. Alla base di un buon rapporto con noi stessi e gli altri il buddismo indica la necessità di un addestramento mentale per padroneggiare l’espressione e l’intensità delle emozioni tossiche. Le varie scuole di psicoterapia prima e le neuroscienze poi – nonché cardiologia e medicina internistica sul ruolo delle emozioni distruttive nella genesi delle cardiopatie ischemiche -, non fanno che confermare certi assunti del percorso buddista. Tanto che dall’incontro tra il Dalai Lama, massima autorità del buddismo tibetano, e un gruppo di neuroscienziati, più di vent’anni fa, nacque il Mind and Life Institute con lo scopo di mettere a confronto, durante una serie di incontri annuali, scoperte empiriche della pratica buddista e acquisizioni della ricerca sui rapporti mente-cervello.

Non c’è dubbio che, alla lunga, medicina e psicologia abbiano tenuto conto pure di certi Triggering of acute coronary_OKstudi, un tempo considerati più affini alla new age che non alla scienza. Dalle pratiche di meditazione e dalla respirazione yoga sono emerse alcune “applicazioni” pratiche, consone alla vita di noi occidentali. La respirazione lenta, ad esempio, viene spesso suggerita dai cardiologi per ridurre l’impatto delle emozioni negative (angoscia e collera) su cuore e sistema  cardiovascolare. Consiste nel respirare in modo superficiale e lento, due volte al giorno per due settimane, finché ci si abitua alla pratica. Dieci minuti di respirazione addominale  lenta (impiegando almeno tre secondi per inspirare e almeno sei per espirare). Lo scopo finale è quello di adottare, appena sorge una emozione dirompente o uno stato di tensione, una respirazione lenta e superficiale (in particolare una espirazione lenta, come se si avesse davanti alla bocca una candela che deve restare accesa). Con impegno e costanza nella pratica, sembra che i risultati siano garantiti.

Buckley T, Hoo SY, Fethney J, Shaw E, Hanson PS, Tofler GH, Triggering of acute coronary occlusion by episodes of anger, Eur Heart J Acute Cardiovasc Care. 2015 Feb 23.

Episodes of intense anger associated with high risk of heart attack within the next two hours

Emozioni, cuore e cervello (seconda parte)


CuoreCervelloOK«Un altro caso utile per dimostrare quanto lo stress possa compromettere il buon funzionamento del cuore – ricorda Gianfranco Parati – ci viene dalla registrazione di pressione effettuata nelle 24 ore su un lavoratore impegnato tutti i giorni a guidare il tram nel traffico di Milano. Una persona giovane, 39 anni, senza malattie cardiovascolari. Aveva una pressione abbastanza elevata durante il turno lavorativo pomeridiano, mentre si abbassava una volta terminato il turno. Rientrava a casa con valori di poco superiori alla norma, ma si normalizzava per tutto il sonno notturno. Il mattino successivo la pressione schizzava di nuovo a livelli altissimi. Cioè quando ricominciava il turno di lavoro in cui il traffico cittadino è più caotico: dalle 7 alle 13».

Appena si metteva alla guida, la pressione del giovane tramviere saliva in maniera impressionante, molto più che al pomeriggio, raggiungendo valori superiori ai 200 di massima. Che questo dipendesse dallo stress lavorativo e dal particolare impegno che la guida del veicolo rappresentava per questa persona, è stato dimostrato dalla ripetizione del tracciato nello stesso soggetto, durante una giornata in cui non era previsto un turno mattutino. E in quest’ultimo tracciato si constatò che la mattina senza la guida del mezzo, la pressione era decisamente più bassa, simile a quella  osservata durante il turno pomeridiano.

«In simili condizioni, un approccio terapeutico volto a proteggere il paziente – prosegue Parati – non può limitarsi soltanto alla scelta del farmaco che dovrebbe, fra l’altro, occuparsi di controllare una pressione molto diversa, in diversi momenti della giornata.  Quindi avendo bisogno di una modulazione della terapia, di dosi diverse nell’arco della giornata. L’intervento terapeutico deve associarsi alla correzione degli stili di vita e dei turni di lavoro della persona a rischio. Cercando di evitare una esposizione ad eventi stressanti che non riesce a gestire e sono potenzialmente pericolosi».

Facile a dirlo. Meno ad evitarli, gli eventi stressanti e pesanti per la nostra salute. La vita, la nostra in particolare, di genti inurbate del terzo millennio, è fitta di situazioni caotiche, conflittuali, potenzialmente ostili. Non siamo solo individui biologici, dicono gli specialisti della psiche. E neppure soltanto mentali. Ma bensì, soggetti tripartiti: bio-psico-sociali. Vale a dire che sul nostro organismo hanno influenza tanto le componenti biologiche, genetiche e molecolari, quanto quelle mentali che, ancora, quelle sociali, ambientali.

E’ esperienza comune che rapporti soddisfacenti tanto nella vita che nei confronti del partner e, in genere, nell’ambiente familiare, abbiano ripercussioni pure sulla nostra buona salute. Viceversa quando siamo rosi da dubbio, rancore, gelosia, odio, ostilità. Tutto ciò che, da sempre, il pensiero orientale, buddista in particolare, ha indicato come emozioni negative da estirpare, guarda caso, dal nostro cuore.

Dalle nostre parti, anziché santoni e guru, è più facile entrino in scena gli specialisti della mente. Psicologi, psichiatri e neuroscienziati. Tutti a cercare di dimostrare come un certo tipo di personalità (elencate con le lettere dell’alfabeto, A e D) siano più predisposte verso le malattie cardiovascolari e, in particolare, verso i fenomeni ischemici e la cardiopatia coronarica. Anche qui, tuttavia, non è nuovo il desiderio dell’uomo di riuscire ad associare certi tipi di personalità a specifiche patologie.

Già Ippocrate, il padre della medicina da cui il famoso giuramento di chi ne esercita la pratica, più di duemila anni fa, definì la relazione tra tipi di personalità, umore e salute in termini di combinazione tra bile nera e bile gialla. “Non roderti il fegato”, si dice ancora oggi per invitare a lasciare perdere le emozioni distruttive che logorano la mente e il corpo. Oppure: “ti prenderà un colpo”. Intendendo che il cuore si spezzerà di dolore, crepacuore, sotto l’influenza di stimoli negativi provenienti lungo il sistema nervoso autonomo e la cascata di altrettante molecole, dal nome altisonante (glucocorticoidi, catecolamine), legate da matrimonio indissolubile con lo stress, acuto e cronico.

«Credo che la psiche abbia una grandissima influenza sul corpo – afferma Bernard Lown uno dei più grandi cardiologi viventi nonché premio Nobel per la pace a seguito della  sua attività in favore della salute pubblica – e sul cuore in particolare. Questo rapporto è riconosciuto da sempre, tanto è vero che nel linguaggio comune troviamo frasi come “morì col cuore spezzato”, “il suo cuore era pieno fino a scoppiare”, “avere un peso sul cuore” e “ho il cuore in gola”. Una psiche disturbata può creare problemi al cuore, soprattutto attraverso lo stress. Anche gli esperimenti che ho condotto dimostrano questa relazione tra stress e disturbi cardiaci. Sono convinto che i problemi di almeno metà dei miei pazienti sono dovuti allo stress, non a motivi organici».

Enrico Molinari, ordinario di psicologia clinica all’Università Cattolica di Milano, autore assieme a molti altri specialisti internazionali di un poderoso volume intitolato Mente & cuore. Clinica psicologica della malattia cardiaca (Springer), ne è Mente&CuoreOKconvinto quanto Bernard Lown: la nostra vita emotiva è indissolubilmente legata al cuore.

«Stati emotivi come la rabbia – sostiene Molinari – la paura e il risentimento possono essere fattori di rischio per le malattie cardiache. Infatti tali stati emotivi, oltre ad influenzare la comparsa del disturbo cardiaco, ne possono aggravare i sintomi, peggiorare la prognosi e ostacolare la guarigione. Conflitti interpersonali, umiliazioni in pubblico, minacce di separazione dal coniuge, lutti, insuccessi professionali, e a volte anche alcuni incubi, tutte queste sono situazioni che provocano tensione psicologica che si ripercuote sul cuore».

Sembra proprio che quanto è importante nella vita – affetti, lavoro, rapporti – abbia la propria contropartita non solo nel cervello, ma pure nel cuore. Del resto, una parola tuttora usata ma di cui abbiamo accantonato l’etimologia, “ricordare”, lega cuore e cervello in un unico monogramma. Deriva dal latino “cordis”, cuore appunto. Ricordiamo col cervello, certo. La scienza lo dimostra ogni giorno di più. Ma un po’, non sappiamo ancora quanto e come, anche col cuore.

Enzo Soresi: “Come sono giunto ad occuparmi di Pnei e fisiologia delle emozioni”


SoresiEnzoDal 1968 al 1998, per 30 anni, presso la Divisione di pneumologia dell’ospedale Ca’ Granda di Niguarda mi sono impegnato nella diagnosi e nella terapia dei tumori polmonari. In particolare, uno di questi, noto come microcitoma o Small Cell  Lung Cancer, di struttura neuroendocrina, sembrava essere negli anni ’70 un tumore guaribile con la chemio e radio terapia. Purtroppo,  proprio le caratteristiche neuroendocrine che rendevano questo tipo di tumore  molto sensibile alle terapie, nello stesso tempo, ne favorivano la diffusione metastatica ed alla fine era sempre il tumore a vincere la sua battaglia. Dimessomi dall’Ospedale nel ’98,  fu proprio la riflessione su questo tipo di tumore e sulla sua struttura  neuroendocrina a stimolarmi  a scrivere un particolare libro dal titolo Il cervello anarchico edito dalla Utet nel 2005 e giunto oggi alla quarta  ristampa con De Agostini. In questo libro sviluppo la relazione fra sistema neuroendocrino, sistema immunitario e strutture mesolimbiche del cervello cioè le strutture emozionali. Su queste basi è nata, negli Stati Uniti, negli anni ’60, una nuova scienza definita Pnei (Psico Neuro Endocrino Immunologia) di cui il vero  fondatore può essere considerato l’immunologo Edwin Blalock.

Si deve infatti a questo scienziato, fra le tante scoperte, quella che i globuli bianchi linfociti, quando producono anticorpi contro un determinato antigene (blastizzazione) liberano nel sangue, nel contempo, tutti  gli ormoni ipofisari.  Nel mio libro racconto numerosi casi clinici spiegando come l’effetto placebo e l’effetto nocebo siano strettamente correlati  allo stato emozionale del’individuo e quindi come  anche le malattie possano essere  collegate all’assetto psichico del soggetto come peraltro già il filosofo Antifonte  aveva ipotizzato circa 300 anni prima di Cristo lasciando questa massima : “è  il cervello che dirige il corpo verso la salute o  le malattie così come verso tutto il resto”.

La Pnei chiarisce molto bene  il rapporto fra stress e sistema immunitario ed ha consentito di mettere in rilievo il contributo dello stress nell’abbattimento delle difese immunitarie dell’organismo e quindi nell’instaurarsi di condizioni di maggiore vulnerabilità  con un aumento della probabilità di sviluppare malattie anche gravi (1).  La fisiologia dello stress implica l’attivazione dell’asse ipotalamo –ipofisi-surrene che, a sua volta, aumenta la produzione di neurotrasmettitori e ormoni quali adrenalina, noradrenalina e cortisolo.  Le cellule immunitarie, di conseguenza, possono essere marcatamente alterate dall’esposizione cronica allo stress attraverso la eccessiva stimolazione dei  recettori di membrana per i glicocorticoidi.

Nel 2010, dopo la lettura di un libro di una psicanalista di Oxford, Sue Gerhardt,  dal titolo Perché dobbiamo amare i bambini  (Raffaello Cortina), ho organizzato un convegno in cui vari esperti hanno spiegato ciò che questa collega aveva intuito e cioè che il disagio psichico dei bambini, già nei primi anni di vita, vada correlato alla costruzione del cervello che avviene negli ultimi sei mesi di vita fetale e nei primi due anni di vita neonatale. In questa  periodo  si costruiscono oltre ai programmi motori  anche i programmi emozionali, in modo interattivo con l’ambiente, ed è per questo motivo  che la malattia psicosomatica, come da sempre sostenuto dagli psicoanalisti, ha le radici  biologiche in questa fase neonatale.

Sulla base di questi concetti nel 2012 con la collaborazione di due giornalisti scientifici, Pierangelo Garzia ed Edoardo Rosati, abbiamo pubblicato un libro dal titolo Guarire con la nuova medicina integrata (Sperling & Kupfer) in cui si spiega, in particolare in oncologia, l’importanza di  sfruttare le medicine complementari per meglio sostenere l’impatto con la tossicità delle terapie antitumorali  e l’importanza dell’assetto psichico nel sapere affrontare con la adeguata  “resilienza” l’impatto con PNEI_OKla malattia. La resilienza è chiaramente collegata alla costruzione del cervello dei primi anni di vita ma la si può comunque ottimizzare con il supporto di tutti coloro che stanno vicino al malato con affetto e abnegazione. La resilienza in sostanza è la capacità di tollerare uno stress protratto senza che l’equilibrio biologico venga alterato in modo irreversibile. L’influenza che emozioni e credenze consolidate sul proprio sé e nel rapporto con il mondo possono esercitare nella reazione alla malattia , determinano effetti misurabili sulla capacità del corpo di guarire, diminuendo le probabilità di recidiva rafforzando il sistema immunitario nei confronti dei processi cancerogeni (2).

1. Biondi M. Psiconeuroimmunologia , in Pancheri P. , Cassano G. Trattato italiano di psichiatria, Masson, Milano ,1992

2. Faretta E. Trauma e malattia. L’EMDR in psiconcologia,  Mimesis