• giugno: 2018
    L M M G V S D
    « Mag    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  
  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 1.355 follower

  • Statistiche del Blog

    • 276,626 hits

Un cervellino Neanderthal? Me lo faccio in laboratorio. Con gli organoidi


MUOTRISegnatevi questo termine, di cui sentirete parlare sempre più spesso, che non è un insulto: organoidi. Gli organoidi sono “similorgani”, “miniorgani” prodotti in laboratorio che simulano la struttura e il funzionamento dell’organo reale. Si possono praticamente realizzare organoidi di qualsiasi organo umano. Compreso il cervello. Immaginatevi le possibilità di ricerca. Tra l’altro gli organoidi permetterebbero di superare l’antico problema etico della sperimentazione animale.

Bene, le possibilità di ricerca sono talmente tante, non solo in medicina, che una tecnica combinatoria (Dna antico, editing genomico Crispr e organoidi ricavati da cellule staminali) sta permettendo a due gruppi di ricerca di includere geni di Neanderthal in cellule staminali. Arrivando di fatto a coltivare in vitro “minicervelli” di Neanderthal.

Questi studi non sono ancora stati pubblicati, ma se ne ha notizia attraverso fonti autorevoli come la rivista Science. “Nessuno di questi lavori è stato pubblicato”, scrive Jon Cohen su Science, “ma Alysson Muotri, un genetista della University of California, San Diego (Ucsd) School of Medicine, questo mese ha descritto per la prima volta gli organoidi di Neanderthal ottenuti dal suo gruppo in una conferenza Ucsd intitolata Imagination and Human Evolution”.

Lo stesso Alysson Muotri, considerato un pioniere ORGANOIDE.jpgnella sperimentazione biologica senza animali, ha dichiarato: “Stiamo cercando di ricreare la mente Neanderthal”. Interessantissimo. Ma magari Muotri la troverebbe ugualmente già bell’e fatta in giro per il pianeta.

Nelle foto: Alysson Muotri; gli organoidi cerebrali sviluppati dal laboratorio di Alysson Muotri da cellule staminali umane che avevano un gene dello sviluppo modificato nella versione posseduta dai Neanderthal (J.COHEN/SCIENCE).

Enzo Soresi: io e l’Lsd


LSDAnni ’60, Fondazione Carlo Erba, in pieno centro di Milano, io, giovane studente di medicina che aveva scoperto, da poco, la potenza delle anfetamine per studiare con maggiore concentrazione e resa  l’esame di anatomia, assisto, affascinato,  ad una conferenza di Emilio Servadio (uno dei padri della psicoanalisti italiana) che, con grande sicurezza ed enfasi, spiega come sia possibile, somministrando Lsd,  risolvere in poche sedute patologie psichiatriche destinate ad essere curate (si fa per dire) con anni di psicoanalisi.

Dal libro di Agnese Codignola, LSD, edito di recente da UTET,  riporto questo stralcio, tratto dalla introduzione

“In sintesi, ciò che sta emergendo è che esistono sostanze fra le quali soprattutto  l’Lsd  e la psilocibina capaci di innescare una profonda riorganizzazione delle connessioni fra cellule nervose; queste cellule, una volta superato lo shock, sembrano tornare ad un livello simile a quello del cervello del neonato (secondo una delle spiegazioni fornite da  Carhart- Harris) per poi ripartire da un substrato diverso e ripristinare il funzionamento classico con declinazioni inedite.

“Ciò che determinano è insomma una “Ego dissolution” come l’ha chiamata per primo Albert Hofmann: una dissoluzione dell’Io sofferente seguita da una rinascita, che, ben lungi dall’essere solo una continuazione della psicoanalisi con altri mezzi (ma è anche quello tra l’altro) potrebbe fornire nuovi strumenti terapeutici e scardinare diverse certezze della neurologia e delle neuroscienze. Le possibilità e le prospettive che si stanno aprendo sono enormi.  A patto che lo stigma culturale ancora vitalissimo, per quanto ormai ridicolmente vetusto, non renda il Rinascimento impossibile, chiudendo ancora una volta le porte della percezione e facendo ripiombare questi studi nel più oscuro Medioevo”.

A distanza di oltre 50 anni, da quella conferenza, mi ritrovo a scoprire come sarebbe possibile, con due sostanze peraltro poco costose, affrontare e risolvere patologie psichiatriche complesse e spesso irrisolvibili apportatrici di profonde sofferenze per chi le vive e per i loro famigliari. Poco tempo fa ricordo di avere letto di  uno studio scientifico, condotto negli Stati Uniti,  in cui in solo 4 settimane 80 fumatori si sono allontanati dal fumo con l’assunzione di psilocibina a dosi refratte.

Con il coblogger Pierangelo  Garzia e con l’editore ci impegneremo ad approfondire queste potenzialità terapeutiche riportando su questo blog studi clinici  in atto con questi tipi di sostanze, definite psichedeliche.  E il blog sarà aperto a tutti coloro interessati a queste tematiche.

Aggiunta di Pierangelo Garzia

Emilio Servadio, citato sopra dall’amico e coblogger Enzo Soresi, è stato uno dei padri fondatori della psicoanalisi italiana. Era allievo di Edoardo Weiss, a sua volta diretto allievo di Freud. Servadio è stato anticipatore in molti settori, tra cui quello degli stati modificati di coscienza. Quando ancora l’Lsd non era stato bandito e poteva essere usato nel setting terapeutico, Servadio lo impiegò anche con personaggi illustri del mondo del cinema, come Gillo Pontecorvo e Federico Fellini. A quanto mi raccontò lo stesso Servadio con cui sono stato in contatto per anni, e del quale conservo un nutrito carteggio, fu in quel periodo che entrambi i grandi registi realizzarono, rispettivamente, due loro film ritenuti “visionari”: La battaglia di Algeri (Pontecorvo) e Giulietta degli spiriti (Fellini). Essendomi occupato a lungo di stati modificati di coscienza (in Neurobioblog è tra l’altro presente un lungo ricordo di un altro mio maestro in questo campo, il neurofisiologo e ipnologo Marco Margnelli) ho pure avuto modo di incontrare e intervistare, assieme all’amico gionalista scientifico Edoardo Rosati, lo scopritore dell’Lsd, Albert Hofmann. Qui di seguito due miei testi ripresi in rete relativi a Servadio e Hofmann.

Emilio Servadio e gli stati di coscienza 

L’uomo dell’Lsd: Albert Hofmann

 

Enzo Soresi parla di “La speranza è un farmaco” di Fabrizio Benedetti


SperanzaFarmacoScrive Ivan Cavicchi  nel suo libro Medicina della complessità: “tutto il territorio entro cui la medicina si muove va rivisitato… è importante abbracciare la complessità dei sistemi…entro cui quest’arte si muove. Vanno affrontate nuove mappe che delineino l’intervento del medico e le regioni su cui intervenire”.

Negli anni ’70 quando dimettevo da Niguarda un paziente guarito  dalla polmonite, di nascosto gli  prescrivevo fialette di entogemina, uno dei primi probiotici che io ricordi, intuendo che la terapia antibiotica protratta avesse in parte alterato la flora intestinale. Oggi con la scoperta del microbiota  intestinale a cui è dedicato un capitolo nel libro  Mitocondrio mon amour scritto con il coblogger ed amico Pierangelo Garzia  la prescrizione di prebiotici e probiotici è diventata una necessità alla luce dei miliardi di germi con cui conviviamo ed il cui genoma è 100 volte superiore al nostro.

Gli articoli scientifici pubblicati nel  2016 su questo argomento sono stati oltre 15.00 e si è arrivati ad imputare ad un microbiota non adeguato malattie come la sclerosi multipla od il Parkinson.  Per assurdo un paziente depresso o stressato in cura con psicofarmaci potrà guarire in un tempo non lontano con trapianto di feci con microbiota adeguato , come già avviene per il morbo di Crohn. Ma, le novità che stanno sovvertendo la medicina sono in continua espansione  e la lettura dell’ultimo libro di Fabrizio Benedetti, neurofisiologo e neuroscienziato dell’Università di Torino,  mi ha ancora di più convinto di come la biologia stia sovvertendo la medicina.

Benedetti è la massima autorità per quanto riguarda l’effetto placebo e nel suo ultimo libro La speranza è un farmaco scrive che oggi la scienza ci dice che le parole sono delle potenti frecce che colpiscono precisi bersagli nel cervello e questi bersagli sono gli stessi dei farmaci che la medicina usa nella routine clinica. Le parole sono vere e proprie armi che modificano il cervello ed il corpo di chi soffre, esse attivano le stesse vie biochimiche dei farmaci come la morfina o l’aspirina. Ma in realtà, da un punto di vista evolutivo, afferma Benedetti , sono nate prima le parole e poi i farmaci che seguono le stesse vie biochimiche impostate dalle parole e dalla relazione.

Fra i casi clinici che il neuroscienziato racconta nel suo libro,  il più singolare è quello di una paziente sofferente di un forte dolore toracico a cui venne somministrata acqua distillata come sostanza placebo mentre Benedetti le spiegava che si trattava di morfina. In realtà la paziente non ebbe alcuna riduzione del dolore e  quindi nessuna risposta all’effetto placebo… Successivamente  il prof somministrò morfina sempre parlando alla paziente e spiegandole che il dolore sarebbe scomparso. In  questo caso il dolore sparì. Infine il prof continuò a parlare alla paziente senza dirle che un computer le stava iniettando morfina ed in questo caso il dolore rimase invariato. Questo specifico esperimento scientifico in cui la morfina, iniettata all’insaputa della paziente non ha ottenuto alcuna risposta terapeutica,  conferma come sia importante da parte del medico, quando prescrive un farmaco, spiegare bene al paziente il significato di ciò che prescrive inducendo nel paziente una adeguata aspettativa terapeutica. Purtroppo è in antitesi con questa procedura, nella medicina scientifica, il bugiardino allegato al farmaco che induce, al contrario, nel paziente, l’effetto nocebo.

A questo proposito ricordo un caso assai singolare che mi è capitato; si trattava di un paziente assai sensibile ed a cui ero stato sempre  attento a non prescrivere psicofarmaci per la sua ansia in quanto prevedevo me li avrebbe rifiutati. Finito al pronto soccorso di un ospedale milanese per un dolore toracico ribelle il collega oltre a normali analgesici , vedendo il paziente assai agitato,  prescrisse una compressa da 20 mgr di paroxetina,  sul cui bugiardino le controindicazoni sono numerose. Assunta mezza compressa il paziente finì al pronto soccorso con colica addominale confermando come l’effetto nocebo nella medicina scientifica sia una realtà forse maggiore dell’effetto placebo.

 

 

 

 

 

 

Ingannando Houdini: intervista ad Alex Stone


AlexStoneAlex Stone è una figura interessante nel panorama dell’arte magica. Perché non è solo un prestigiatore. Non è solo un illusionista addentro alle varie tecniche cartomagiche, oppure mediante monete e tutte le altre possibilità che offre di ingannare i sensi e la mente del prossimo la cosiddetta magia “a vista” (tecnicamente micromagia, in lingua close-up magic). Per eseguire questi numeri magici con efficacia occorrono anni e anni di studi teorici, ma soprattutto pratici. Allenamento continuo. Per alcuni addirittura ossessivo. Meglio se sotto la guida di maestri esperti. Professionisti magari pluripremiati nei vari consessi internazionali. Alex Stone si racconta appassionatamente, ironicamente e pure spudoratamente, in questo suo libro di memorie magiche: Ingannando Houdini. Prestigiatori, mentalisti, patiti di matematica e poteri nascosti della mente.

Una vera e propria autobiografia, unica nel suo genere, degna di un film, di cosa significhi, cosa debba affrontare chi si avventuri, da zero, lungo il tortuoso, ispido cammino, per assurgere al titolo di “mago”. In un ambiente, quello dei professionisti dell’arte magica, molto selettivo, esclusivo, geloso dei propri segreti. Alex Stone passerà infatti i suoi guai per avere svelato alcuni di questi segreti su una rivista destinata al pubblico generico. Ma proprio perché, come dicevo all’inizio, Alex Stone non è solo un illusionista. È anche un divulgatore scientifico con una formazione in fisica. Ha una mentalità da ricercatore e di sperimentatore. E del resto la magia, al pari della scienza è, al più alto livello, ricerca, sperimentazione e innovazione. Continue. Costanti. Viceversa non avrebbe potuto sopravvivere, evolversi, adattarsi ai gusti del pubblico anche attraverso le nuove tecnologie, per migliaia di anni fino ai giorni nostri.

Alex Stone si rende conto presto che la magia è anche, soprattutto, psicologia. Perché, come dice un principio assoluto della magia, “non avviene nelle mani del mago ma nella mente dello spettatore”. Se ne rende conto a tal punto Alex Stone, che per approfondire gli aspetti percettivi e cognitivi della magia incontra, impressiona con i suoi trucchi e infine collabora con la psicologa ricercatrice Arien Mack, allora direttrice del Perception Lab presso la New School for Social Research di New York,  in ricerche sull’attenzione e sviamento dell’attenzione (misdirection, la pietra miliare di tutta la magia).

La magia esiste perché i nostri sensi sbagliano. La nostra percezione è fallace. La nostra attenzione può essere sviata. La nostra memoria non è perfetta. Addirittura la nostra mente può creare false memorie. Tutto nella magia, come del resto nell’inganno e nella truffa, affonda le proprie radici nella psicologia. Come scrive Alex Stone: «Come per ogni trucco magico, la sola tecnica non è che una piccola parte dell’illusione. La psicologia è l’ingrediente segreto».

Ecco allora che i trucchi magici entrano sempre più spesso nei laboratori di ricerca psicologica e neuropsicologica: rappresentano mezzi perfetti per indagare la mente umana. Specie con il supporto delle moderne tecniche di registrazione e visualizzazione dell’attività cerebrale. Un campo affascinante, promettente, da cui sgorgano sempre più stimoli e pubblicazioni scientifiche. Il rapporto tra magia e scienza è agli inizi, ma già promette bene. E personaggi come Alex Stone stanno dando e daranno contributi certamente importanti.

Perché hai intitolato il tuo libro Fooling Houdini (Ingannando Houdini in italiano)?

Il titolo del libro allude a una storia su Dai Vernon, il più influente artista di primo piano del ventesimo secolo, anche conosciuto come “The Man Who Fooled Houdini”. Houdini si vantava che nessun uomo potesse ingannarlo tre volte con lo stesso trucco. La magia dipende molto dall’elemento sorpresa, motivo per cui ai maghi non piace ripetere un effetto per lo stesso pubblico. Gli anni passarono e la sfida andò insoddisfatta. Poi, nel 1922, durante una cena tenuta in onore di Houdini, Dai Vernon, di cui pochi avevano sentito parlare all’epoca, mostrò a Houdini la versione di un trucco chiamato “carta ambiziosa”: una carta firmata ritorna in cima al mazzo dopo essere stato messa nel mezzo. Vernon ha ripetuto l’effetto molte volte e Houdini è stato completamente ingannato! Più in generale, il titolo del libro si riferisce al fatto che i maghi cercano sempre di ingannarsi l’un l’altro con nuovi trucchi.

Parli di magia come di un “linguaggio universale” che raggiunge tutti. Intendi come l’arte o la musica?

Sì! Puoi fare un trucco magico per qualcuno in qualsiasi parte del mondo e di solito sorriderà. Tocca qualcosa in noi che è legato alla nostra natura profonda, credo.

Qual è la relazione tra magia ed emozioni? E tra magia e memoria?

Penso che tutta la magia, o almeno tutta la buona magia, generi potenti emozioni. La memoria è difficile e le persone spesso hanno difficoltà a ricordare correttamente cosa succede in un trucco. (Le emozioni, ovviamente, influenzano anche il modo in cui ricordiamo le cose). I maghi cercano intenzionalmente di fare confusione con i ricordi delle persone, così il pubblico crederà che una cosa sia accaduta quando in realtà qualcos’altro ha avuto luogo. Ma ciò che la magia rivela è che il ricordo è fallibile e può essere manipolato. Qualcosa che va ben oltre la magia.

Un mago può essere ingannato?

Assolutamente! Questo è uno dei malintesi che molte persone hanno sulla magia. I maghi, infatti, si prendono sempre in giro l’uno con l’altro con nuovi trucchi. Ci sono tornei in tutto il mondo in cui i maghi competono l’uno contro l’altro. Questo spirito competitivo guida una notevole innovazione nella creazione di nuovi effetti.

Cosa consiglieresti a coloro che vogliono difendersi dalla frode, dall’inganno e dalla manipolazione della vita quotidiana?

Beh, consiglierei di leggere e studiare la base della psicologia delle truffe. La maggior parte delle truffe ha qualcosa in comune. Primo e soprattutto: se qualcosa sembra troppo bello per essere vero, come si è soliti dire, allora lo è quasi sempre.

Scrivo e dico spesso che la magia è “darwiniana”, evolutiva: si adatta ai gusti, alle culture e soprattutto fa uso di tutto ciò la tecnologia e la scienza si rendono disponibili in un determinato momento della storia. Sei d’accordo?

In una certa misura direi di sì. Come tutta l’arte è conforme ai gusti del momento e cambia con la sensibilità delle persone. Ma ci sono anche aspetti senza tempo della  magia, ecco perché vedi trucchi simili che attraversano i secoli.

La magia è una psicologia empirica, sperimentale, che attraverso i  secoli ha fatto scoperte sulla percezione, la memoria e l’illusione. Scoperte che la psicologia cognitiva ha recentemente iniziato a capire. Come può la magia oggi aiutare la psicologia e le neuroscienze?

La magia, nel suo cuore, sta giocando con i limiti della percezione umana. Nel cercare di capire la magia, finiamo per fare domande su come la mente percepisce il mondo e analizza l’esperienza quotidiana, su come funziona la mente. E perché a volte fallisce. Studiare il modo in cui la magia ci inganna è una finestra sul cognitivo sottostante, sui meccanismi che ci rendono umani. Alcuni neuroscienziati ora stanno persino usando magia per studiare il cervello.

Studiare fisica ti ha aiutato a diventare un mago? Come?

Penso che entrambi comportino un simile fascino per il mistero e lo sconosciuto. Inoltre, ci sono molti trucchi che coinvolgono la matematica. Ancora, entrambi sono abbastanza nerd!

Quanti anni e quante ore di allenamento al giorno ci vogliono diventare un buon mago?

La cosa bella della magia è che puoi iniziare a farlo subito. Ci sono molti trucchi divertenti per i principianti. Non credo davvero nella “regola delle 10.000 ore” di pratica. Ognuno è diverso. Ma diventare un esperto richiede anni lavoro diligente.

Parli della passione per la magia e per sempre nuovi trucchi come  di una “droga”: perché?

Penso che sia avvincente. Da quando ho imparato il mio primo trucco ero “agganciato.” Una volta che inizi vuoi proseguire, desideri imparare sempre cose nuove, effetti sempre più creativi.

Perché forme di magia come il mentalismo e la Bizarre Magick hanno successo oggi?

Sono forme di magia che attirano una nostalgia gotica, sorte di recente. Ma anche queste espressioni mostrano una magia differente da quella a cui siamo abituati. Soprattutto il mentalismo può sembra qualcosa di completamente diverso, motivo per cui molte persone sono convinte che sia in qualche modo reale. È importante riconoscere, tuttavia, che comunque è tutto, ancora, una sorta di inganno.

Cosa consigli a un ragazzo che oggi voglia intraprendere una carriera come mago?

Circondati di altri appassionati di magia. È la cosa più importante. Compra alcuni libri e video, carte e monete. Basta iniziare. Divertiti!

Cosa ne pensi dei tutorial in rete: sono dannosi o utili per la magia?

Penso che siano molto utili. Aiutano le persone ad imparare la magia, chiunque può farlo. Impara ora. Sono grandiosi e conducono alla feconda impollinazione incrociata di idee.

Due domande all’editore italiano di Ingannando Houdini. Paolo Michelotto, in società con i fratelli, ha fondato nel 1994 “Mondo Troll” che si occupa di pubblicare libri e video, organizza workshop e vende materiali correlati alla magia e prestidigitazione, all’animazione e agli argomenti correlati.

Perché avete deciso di pubblicare in italiano il libro di Alex Stone che si discosta dai consueti “manuali magici”?

Il libro di Alex Stone è una lettura affascinante per il lettore che non sa nulla di magia. copertina ingannando houdini frontePer chi ne sa qualcosa ed è appassionato, come noi, è doppiamente affascinante. Racconta di persone reali esistenti nel mondo dell’illusionismo, di episodi accaduti nei congressi magici, di tecniche “impossibili”, di storie vecchie ma viste sotto un’altra luce, di corsi avanzati con personaggi famosi. E racconta la dedizione quasi maniacale per quest’arte. È un inoltrarsi in profondità nel mondo della magia con gli occhi di un prestigiatore estremamente abile non solo nella sua arte, ma anche in quella della scrittura. Per noi come editori è quindi un privilegio aver pubblicato un libro così ricco, emozionante, divertente e approfondito sull’arte a cui da 20 anni ci dedichiamo.

A chi si rivolge Ingannando Houdini?

È un libro divertente, curioso e ricco che può essere letto da chi non conosce per niente la magia, dal neofita assoluto di quest’arte, ma anche da chi ha ottime conoscenze e esperienze magiche, che troverà rispecchiate nei diversi capitoli.

Ingannando Houdini su Monto Troll 

“The Science of Magic and the Art of Deception” video con Alex Stone 

 

Joaquin Phoenix il redentore


a-beautiful-day-nuovi-poster-del-thriller-con-joaquin-phoenix-1.jpgA vederla Lynne Ramsay è una gradevole donna paffutella e sorridente. Non immagineresti i film che riesce a fare. Tipo questo You were never really here (non sei mai stato realmente qui, titolo originale di quello usato nell’edizione italiana: A beautiful day e ne capisci il perché alla fine). Lynne Ramsay fa film folli. Potenti e conturbanti come la follia. Tipo …e ora parliamo di Kevin. Regista britannica (Glasgow), apprezzata dalla critica, pluripremiata, Lynne Ramsay fa film che sono cazzotti in faccia. Calci nello stomaco. In A beautiful day mette in scena tutto il male del mondo, tanto, troppo, con qualche piccola, piccolissima, apertura al sentimento. Alla possibilità che la follia umana possa salvarsi dall’autodistruzione. In un mondo dove ricordi, traumi, passioni, crudeltà familiari e sociali, sporche guerre, delitti, perversioni, vero e falso, reale e irreale, sogno e incubo, si frammischiano tra loro. Senza un prima e un dopo. E neppure un durante. Tutto lo schifo e l’abiezione del mondo. In un Joaquin Phoenix che se ne fa corpo e sangue. Un redentore “solo sicario” anche nell’aspetto (chissà perché non ci ha ancora pensato nessun recensore del film) di questa epoca laida e perduta. Disperata e disperante. Angosciata e angosciante. Un redentore che invece di finire inchiodato sulla croce, aggiusta i torti a colpi di martello (“made in USA”, non a caso). Non andate a vederlo se non siete in grado di reggere le emozioni forti. Troppo forti.

 

Panico di massa: cosa imparare da piazza San Carlo a Torino


PanicoMassa_PierangeloGarzia_MenteCervello_Ottobre2017_OK (2)Era uscita col marito, entrambi pensionati, in una bella serata torinese di inizio giugno. Erano andati a mangiare assieme una farinata. Avviandosi poi verso casa si imbatteranno in qualcosa che pure con una fervida fantasia non avrebbero mai immaginato. Una mandria impazzita. Una massa di gente che corre in preda al panico.

Lui e lei, non appassionati di calcio, non seguono le partite, sono travolti dalla massa di gente che fugge dalla piazza San Carlo di Torino. Dove un “falso allarme” ha scatenato il panico tra la massa di gente, pigiata l’una contro l’altra, per assistere su grande schermo la finale di Champions League. Una festa trasformata in tragedia. La signora a passeggio per Torino, travolta col marito, ora è in un letto ospedaliero. Intubata. Paralizzata dalla testa in giù. Per sempre. Un’altra giovane donna è morta. 1.526 persone ferite. Non solo nel corpo, ma pure nella psiche. C’è gente che ancora oggi, a distanza di mesi, ha gli incubi e piange ricordando quei momenti. In termini psicologici si chiama “sindrome da stress post-traumatico”.

Siccome tendiamo a dimenticare tutto rapidamente, specie brutte storie come questa, ha fatto in modo di ricordarcela, con relative responsabilità, un drammatico e coinvolgente servizio de “Le Iene” del 24 ottobre 2017 (“Cosa fa il terrore del terrorismo”). Oggi la notizia che è stato arrestato un gruppo di giovani, tutti maggiorenni, per avere scatenato il panico tra la folla. Sembra spruzzando dello spray urticante, forse a scopo di rapina.

Personalmente ho parlato dei tragici fatti di piazza San Carlo a Torino del 3 giugno 2017, dal punto di vista psicologico e sociologico, in un servizio apparso sul numero di ottobre 2017 del mensile “Mente & Cervello”. Ecco alcune parti di interviste non apparse in quel servizio. Si sa tutto per fare in modo che certi fenomeni collettivi di panico non si verifichino mai più, non da oggi, ma da decenni, se non da secoli: facciamo in modo che in futuro ci si riunisca sempre, allo stadio, al concerto, in una piazza, in un luogo pubblico, per divertirsi assieme, non per lasciarci la pelle. Anche in un periodo storico come l’attuale percorso dalla paura di attentati in luoghi pubblici.

Andrea Antonilli, docente di politiche della sicurezza all’Università di Bologna e autore di un esplicito saggio sociologico dal titolo Insicurezza e paura oggi (Franco Angeli)

Che ruolo hanno i mass-media nell’indurre, indirizzare o rafforzare paure e insicurezze?

Le scienze sociali e comunicative sono, da sempre, divise tra coloro che ritengono i mass media i diretti responsabili dell’aumento della violenza – e quindi della paura – e coloro che si limitano a considerarli semplicemente come uno specchio oggettivo della società. A prescindere da quale posizione si vuole prendere, è indubbio come  il complesso dei media registri, grazie ad un incessante sviluppo tecnologico, una diffusione sempre più capillare ed un crescente potere di influenza. Karl Popper affermava come non ci può essere informazione che non esprima una certa tendenza: i mass media assumerebbero un ruolo determinante nella percezione di un certo fenomeno e , in particolare, dei rischi collegati a eventi violenti e criminali. I media contribuiscono – ricorrendo ad una attenta selezione delle notizie – a costruire culturalmente e simbolicamente i problemi sociali: certi tipi di violenza o devianza vengono portati al centro dell’attenzione dell’opinione pubblica e sovraccaricati emotivamente. Uno dei potenziali effetti degno di maggiore preoccupazione è quello definito come mean-world syndrome, ovvero la possibilità che tra l’audience si diffonda una visione del mondo intrisa di preoccupazione e paura. Tuttavia, scampando ad una sterile campagna di demonizzazione degli organi di comunicazione – la capacità di raggiungere rapidamente una vasta audience configura i media quali potenziali strumenti di prevenzione e di educazione, in grado – mediante momenti di approfondimento – di informare sulla dinamica e sulle cause degli eventi minacciosi e criminali e fornendo agli individui quegli strumenti di prevenzione idonei ad evitare eventi vittimizzanti.

Francesca Anna Maria Caruso è docente di sociologia presso l’università di Catania. Vincitrice di borsa di ricerca presso l’università Kore di Enna, si occupa di teoria sociale, rischio e comportamenti collettivi, facendo particolare riferimento allo studio del panico collettivo al fine di elaborare meccanismi di gestione e controllo del fenomeno. Tra le sue pubblicazioni: Panico Collettivo – mito popolare, teoria sociale, indagine empirica (2007); Il lato oscuro della modernità (2010); Il naufragio della Costa Concordia (2012) e con Paolo De Nardis, Rabbia sociale. Realtà del conflitto e ideologia della conoscenza  (2012).  L’interesse a studiare le dinamiche della folla in situazioni di rischio estremo è nato proprio da un episodio che  l’ha colpita particolarmente ancora bambina: la tragedia dell’Heysel del 1985, quando meno di un’ora prima dell’inizio della finale di Coppa dei Campioni tra Liverpool e Juventus persero la vita, a causa delle cariche degli hooligans, trentanove persone soffocate e calpestate dalla folla.

Rispetto al suo approfondito e classico testo “Panico collettivo”, a distanza di dieci anni, avrebbe da aggiornare o modificare qualche aspetto riguardo a tale fenomeno? Cioè: anche riguardo a fatti recenti (ad esempio quelli di Torino) ha verificato cambiamenti nel fenomeno?

Il testo rimane attuale proprio perché fornisce una definizione valida che fissa i significati precisi del fenomeno,  individuando nell’interconnessione di due asserti fondamentali i nessi causali entro cui l’azione sociale si evolve in panico collettivo. Tali variabili, ampiamente riconosciute dall’odierna letteratura come condizioni necessarie e sufficienti a generare la fuga in preda al panico sono riconducibili rispettivamente alla percezione di una grave ed imminente minaccia e alla convinzione dell’esistenza di poche vie di scampo in procinto di chiudersi. A tali fattori causali si aggiunge una costellazione di stimoli che favorisce l’insorgenza del fenomeno come: la presenza di una minaccia percepita come ambigua; la perdita di fiducia nella leadership; l’intervento del leader-detonazione antitetico all’autorità formalizzata, il quale attirando l’attenzione su di sé al grido per es. di “Al fuoco!” o “Aiuto!”, costituisce uno stimolo che rimanda a una potenziale minaccia; il verificarsi di un fattore di precipitazione che trasforma lo stato di ansietà diffusa in panico. I recenti fatti di Torino sono, infatti, ascrivibili ad un evento-grilletto in cui l’ansia diffusa latente ascrivibile al particolare periodo storico che stiamo vivendo in cui il terrorismo si esprime come rischio globale, si è trasformata in paura isterica. Analizzando, tuttavia il caso-studio del naufragio della Costa Concordia è emerso un nuovo aspetto del fenomeno riconducibile, in linea con il comportamento affiliativo, al concetto di Familismo amorale di Banfield. In situazioni di pericolo, infatti, quando sussistono vincoli primari, non si metterebbe in atto una condotta spietatamente competitiva, quanto piuttosto un comportamento che tende a mantenere i legami con chi incarna tali vincoli, per cui il panico collettivo sarebbe il risultato, in alcuni casi, della confusione generata da individui che si precipitano per ricongiungersi con i propri cari. In questa cornice di referenza è possibile evidenziare come Il comportamento affiliativo possa però degenerare in familismo amorale quando, al fine di prestare aiuto ai propri cari, si agisce a discapito degli astanti.

Se dovesse stilare un decalogo su come prevenire il panico collettivo?

Partiamo da un presupposto fondamentale: troppe le situazioni in luoghi pubblici, come piazze, stadi, teatro, in cui il termine “panico”, usato come un’etichetta implicante un giudizio arbitrario di valutazione sul comportamento della folla, è stato evocato per distrarre l’attenzione da gravi responsabilità riconducibili all’inadeguatezza dell’organizzazione nel gestire un evento che sempre più spesso pecca di omessa prevenzione.

L’organizzazione di un evento pubblico in luoghi antropizzati dove la fuga è incanalata in percorsi obbligatori, deve dunque rispettare semplici parametri di sicurezza come rendere fruibili le vie di uscita per potere lasciare in fretta la struttura all’incombere della minaccia, fornendo un’efficace comunicazione che possa permettere alla folla di individuarle con facilità. Di fondamentale importanza poi è la presenza di una leadership che: mantenga il controllo della situazione; ricostruisca un modello adeguato di ordine; rimuova ogni incertezza e dissipi ogni ambiguità; sia in grado di infondere fiducia; coordini le azioni con procedure chiare e corrette, riducendo la tensione emotiva e facendo al tempo stesso definire la situazione come padroneggiabile. Altro metodo è incanalare l’iperattività determinata dalla paura in operazioni che assorbano l’attenzione dei presenti, distraendo dal pericolo in modo da rimuovere lo stato di ansietà diffusa. Metodo preventivo correlato è la creazione di una disciplina di gruppo che favorisca un senso di disponibilità generale alla cooperazione in modo da mettere in atto condotte consapevoli e strategiche. In definitiva: conoscenza delle via di fuga; leadership efficace; distrazione dal pericolo e conoscenza intelligente dei propri compiti sono variabili fondamentali per prevenire il fenomeno.

Se dovesse stilare un decalogo su come comportarsi in caso di panico collettivo?

Occorre considerare come spesso conseguenze maggiormente distruttive derivano dalla condotta della folla in preda al panico piuttosto che dalla pericolosità della minaccia stessa.  Quando infatti la folla, all’interno di luoghi antropizzati assale tumultuosamente le uscite, ammassandosi a ridosso di queste fino a bloccarle, si provocano  più vittime, morte calpestate o schiacciate dalla pressione degli astanti piuttosto che dall’incombere della minaccia stessa.

Bisogna dunque innanzitutto mantenere la calma e la lucidità; se ci si trova intrappolati all’interno della folla non contrastarne il movimento, che diventa inarrestabile; bisogna invece assecondare il suo flusso appena ci si accorge della sua spinta. Proteggere gli organi interni con le braccia e con le mani per evitare uno schiacciamento della gabbia toracica a causa della pressione della folla; dopo avere individuato la via di fuga evitare di finire in un vicolo cieco dal quale è sempre difficile uscire in casi di assembramento, quest’ultimo infatti potrebbe trasformarsi in una trappola mortale. Stare attenti a non cadere per terra. In caso contrario cercare subito di rialzarsi e se non ci si riesce stare seduti col busto alzato in modo che gli astanti, durante la fuga panica si accorgano della propria presenza. In genere infatti la folla se cosciente di qualcuno a terra tende ad evitarlo e a non calpestarlo.

Si è mai trovata direttamente coinvolta in casi di panico collettivo Se sì, quali? Come si è sentita ed ha reagito?

Purtroppo non mi è mai capitato. E dico purtroppo perché solo attraverso un’osservazione partecipante potrei   comprendere fino in fondo un fenomeno che studio da anni. Vivere una situazione non è mai come raccontarla. Ognuno proietta infatti il proprio punto di vista e la propria prospettiva, viverla in prima persona, restandone indenne, mi permetterebbe di avere un quadro completo del fenomeno non soltanto dal punto di vista teorico, ma anche da quello empirico.

Andreano Granata, responsabile tecnico di una società che si occupa di formazione antincendio e gestione delle emergenze. Ha prestato servizio come volontario ausiliario nel corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, appassionandosi sempre più al tipo di attività. Al termine del servizio di volontariato ha partecipato e vinto il concorso per Vigili del Fuoco effettivi. Nel corso degli anni ha partecipato a una moltitudine di interventi. Da quelli che hanno segnato la vita di un solo nucleo familiare (incendio di appartamento) a quelli che sono entrati tristemente nella storia italiana (frana del Vajont, alluvioni di Genova, Firenze e Val di Stava, terremoti in Irpinia, Friuli e Sicilia.). A metà anni Settanta ha collaborato alla fondazione della prima scuola antincendio in Italia.

Ha avuto esperienze dirette di panico collettivo? Cosa ha constatato?

Esperienze dirette ne ho avute molte, in tutte quelle attività in cui veniva richiesto un presidio da parte dei Vigili del Fuoco, (manifestazioni sportive, raduni, manifestazioni sociali programmate). Una cosa che ho imparato in tanti anni di attività è che il panico è come una malattia fortemente virale… si diffonde velocemente, più persone sono in panico maggiore è il panico che suscitano in altri. Il “panico di massa” si manifesta praticamente sempre come una “fuga” da un pericolo non individuabile e non gestibile. La cosa peggiore è che spesso la maggior parte delle persone che scappano non sanno perché lo fanno; lo fanno solo perché lo fanno gli altri, inconsapevoli di ciò che ha creato l’evento iniziale. E’ un meccanismo naturale che scatta nella nostra mente per la propria sopravvivenze (scappo come gli altri anche se non vedo il pericolo, perché il pericolo c’è altrimenti gli altri non scapperebbero. Se aspetto di capire qual è il pericolo potrei non essere più in grado di scappare dopo).

Marco Cannavicci, psichiatra forense, esperto su temi della psicologia della sicurezza, della psicologia della comunicazione e della formazione.

Si dice che in questi casi di panico collettivo la gente metta in atto comportamenti irrazionali: è cosi?

Il comportamento della fuga, in imitazione degli altri, anche non avendo percezione della causa, è un atto automatico del cervello, non scelto e non frutto di una decisione razionale e che non segue percorsi logici del cervello. Come fu messo in evidenza da Orson Wells molti anni fa, quando alla radio diffuse la notizia di una invasione in atto di marziani a New York, che provocò la fuga in massa di migliaia di persone in preda al panico a piedi o in macchina, le persone non hanno bisogno di vedere realmente il pericolo, è sufficiente la suggestione. Le persone scappano pur non sapendo il perché e solo per imitazione degli altri. In questo si riscontra la validità evolutiva e protettiva del meccanismo ancestrale ricordato ai fini dell’obiettivo di permettere al soggetto di avere salva la vita. I tempi dell’analisi razionale della situazione, della verifica della minaccia, comporterebbero un ritardo che annullerebbe il vantaggio del comportamento immediato e che permetterebbe al pericolo di raggiungere il soggetto, al rischio della vita. Tale meccanismo immediato ed irrazionale è presente infatti anche in tutte le specie animali (essendo un prodotto della selezione evolutiva delle specie): se un animale percepisce un rumore anomalo non si ferma a chiedersi cos’è, scappa e basta, e questa immediatezza gli permette di avere salva la vita rispetto alla minaccia, reale o presunta, di un predatore.

Cosa ci insegna, per il futuro, un evento come quello di Torino?

Ciò che è avvenuto a Torino in occasione della finale di Champions League insegna che in uno spazio aperto, quando vengono a raccogliersi migliaia di persone, anche per motivi futili, di poco conto o presunti, potrebbe scatenarsi un fuggi fuggi collettivo e quindi è necessario preventivamente prevedere spazi limitati per gruppi limitati di persone, predisponendo fra questi spazi delle adeguate vie di fuga in direzioni differenti verso aree di sgombro differenti. La mancanza di vie di fuga differenti per gruppi differenti ha convogliato, a Torino, tutte le persone nella stessa direzione con gli effetti lesivi che abbiamo visto sulle persone che ne sono risultate vittime.

Lei si è mai trovato in grossi eventi di massa? Se sì, ci può fare qualche esempio? Si è mai trovato, o sentito, in pericolo in tale circostanze? Come si è regolato, come ha reagito?

Molti anni fa a Roma, uscendo da una libreria del centro, a Piazza Esedra, mi sono ritrovato nel mezzo di una manifestazione di protesta, trascinato dal flusso dei manifestanti inseguiti dalle forze di polizia e con i lacrimogeni che piovevano dall’alto. Erano gli anni ’70, ero ancora giovane, ma tanto mi bastò per scegliere sempre, da quel momento in poi, le posizioni di margine rispetto a folle o rilevanti assembramenti di persone. In quella situazione mi resi anche conto che per chi insegue, i poliziotti, (per analogia dello stato emotivo alterato con chi scappa) non c’è differenza se chi corre sia un manifestante o un privato cittadino incappato nella situazione critica, le manganellate erano per tutti.

Come si prevengono possibili incidenti causati dai raduni di massa?

Nell’esempio che ho riportato in precedenza dell’organizzazione di Piazza San Pietro, la prevenzione spetta principalmente agli organizzatori, creando all’interno dell’area di raccolta delle persone delle sottoaree minori ed assegnando ad ognuna una via di fuga particolare, evitando quindi che tutte le persone si dirigano, scappando, nella stessa direzione. E’ importante, inoltre, che ci sia una informazione continua per altoparlante su quello che sta accadendo o che potrebbe essere accaduto, rassicurando, informando ed evitando che si diffondano voci allarmistiche infondate ed indirizzando le persone verso le già predisposte uscite di sicurezza.

Cosa fare dopo a livello psicologico (gente traumatizzata)?

L’esperienza del panico collettivo, anche in assenza di una vera causa di pericolo, lascia nelle persone coinvolte un residuo trauma psichico che produce progressivi effetti lesivi nel tempo attraverso la produzione di nuove e sempre maggiori paure associate. Compaiono nelle persone delle cosiddette condotte di evitamento per cui qualsiasi stimolo sociale, interpersonale o ambientale che ricordi l’evento traumatico è in grado di suscitare ansia, paura e panico. Si evitano così, in modo progressivo, le uscite sociali, i luoghi affollati (come i centri commerciali, le pizzerie, i cinema, …), il traffico, i luoghi chiusi, i luoghi ricreativi e della vita relazionale da cui non si può agevolmente scappare, ma anche, poi, le file agli sportelli e tutte le forme di attesa. La vita della persona cambia in quanto c’è una diminuzione della libertà di movimento e di gestione delle emozioni, dettata dalla intensa paura. E la diminuzione della libertà va progressivamente estendendosi, a macchia d’olio, anche ad altre situazioni, diverse da quella originaria, fino al punto da chiudere la persona all’interno della propria casa, unico posto ritenuto sicuro. Per evitare tutto questo sono disponibili delle tecniche psicologiche brevi, semplici ed efficaci, conosciute come “debriefing” e “defusing” che possono aiutare il soggetto ad affrontare, elaborare e superare la paura appresa per il trauma psichico subìto e permettere di ripristinare la precedente libertà di movimento.

Lorenzo Odetto, anestesista rianimatore, docente in simulazione clinica e crisis management all’Università di Torino. Accogliendo la richiesta di un gruppo di genitori all’indomani degli avvenimenti di piazza San Carlo a Torino per formare i giovani a fronteggiare possibili situazioni di emergenza, con la Fondazione La Stampa – Specchio dei tempi si è fatto promotore, assieme ad altri, per tenere Corsi Antipanico gratuiti alle scuole medie torinesi

Quali dovrebbero essere le caratteristiche e le competenze delle figure coinvolte nella gestione di situazioni di maxiemergenza scatenate dal panico collettivo?

Le competenze fondamentali sono definite nel mondo anglosassone come crisis resource management e crowd management. Sono capacità che potrebbero essere giudicate collaterali nel percorso formativo delle figure istituzionali preposte a garantire la sicurezza delle folle; in realtà dovrebbero essere parte integrante del loro curriculum educativo. Forze dell’ordine, soccorsi sanitari, steward, personale di controllo, organizzatori di eventi dovrebbero, ovviamente con modalità e livelli differenti, ricevere una formazione in tal senso.

Ha vissuto personalmente situazioni di crisi in cui si sono innescati comportamenti di panico collettivo? Come si è sentito personalmente e come ha reagito?

Volo diretto a Catania. Improvvisa e rapida depressurizzazione. Come da procedure di emergenza, vengono aperti gli alloggiamenti delle maschere di ossigeno e il pilota inizia una rapida discesa. Nervosismo serpeggiante, sguardi preoccupati, ma niente panico. Qualcuno afferma di percepire odore di bruciato. Alcuni lamentano forti dolori alle orecchie. Tutto cambia: molti passeggeri iniziano a gridare, piangere, pregare. Osservo che praticamente nessuno di loro indossa la maschera, nonostante i ripetuti inviti degli assistenti di volo. Altri, invece, anche se evidentemente scossi, mantengono la calma; quasi tutti respirano attraverso la maschera e seguono le indicazioni del personale. Cerco di capire cosa provo: nervosismo, preoccupazione, paura? Penso a mia moglie e ai miei figli, mi rendo conto che non devo farlo, che si apre un varco nel mio autocontrollo, e cerco di concentrarmi sulle cose che devo fare per la mia sicurezza. Vedo che l’equipaggio sta gestendo con grande professionalità la situazione, e questo contribuisce a rassicurarmi. Poco alla volta, la situazione si tranquillizza.

Se dovesse dare delle indicazioni su: come prevenire situazioni di panico collettivo e cosa fare in circostanze di panico collettivo?

Se ci riferiamo ad indicazioni per le figure di gestione e soccorso, la prevenzione si basa sulla conoscenza della tipologia di folla e sulle sue possibili dinamiche. E’ fondamentale evitare il sovraffollamento, consentendo, ad esempio, l’ingresso all’area dell’evento tramite biglietti, anche se distribuiti gratuitamente. E’ necessario un controllo continuativo della folla tramite sistema di tv a circuito chiuso e steward. Infine, devono essere previste aree libere che fungano da “valvole di sicurezza” in caso di movimenti improvvisi all’interno della massa. In caso di fenomeni di panico, la priorità principale è che vengano segnalate immediatamente e chiaramente, con annunci sonori, indicazioni luminose, e segnalazioni degli steward, le vie di fuga da utilizzare.  Se ci riferiamo a indicazioni per il pubblico, in tutte le situazioni di affollamento, quando percepiamo soggettivamente che la calca è eccessiva, dobbiamo andarcene senza esitare. Un criterio oggettivo, invece, è il rendersi conto che sta diventando difficile raggiungere le vie di uscita. In ogni caso, si dovrebbe localizzare la via di fuga più vicina e una eventuale alternativa, nel caso non sia possibile raggiungerla. Se le persone che ci circondano mostrano comportamenti inadeguati, è bene allontanarsi. Infine, non si dovrebbe mai esporsi a rischi ulterori solo per poter accedere ad una posizione che consente di assistere meglio all’evento. Se ci si trova nel pieno dell’ondata di panico, la priorità è restare in piedi; se la folla si muove in una direzione a nostro parere errata, ci si dovrebbe spostare obliquamente, avanzando gradualmente verso il nostro obiettivo. Se si è sottoposti a pressione dalle altre persone, è importante mantenere le braccia piegate, in posizione da pugile, per proteggere il torace e permetterne l’espansione. E’ fondamentale guardarsi intorno e capire cosa accade: spesso il panico, specie quello altrui, ci impedisce di farlo.

Pierangelo Garzia, “Panico di massa”, Mente&Cervello, ottobre 2017 

Pablo Trincia, Le Iene, “Che cosa fa il terrore del terrorismo”, 24 ottobre 2017