• marzo: 2013
    L M M G V S D
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031
  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Unisciti ad altri 1.657 follower

  • Statistiche del Blog

    • 593.274 hits
  • Traduci

Si fa presto a dire placebo


RobertJütte_01Quando si tratta di medicine complementari capita si parli anche di effetto placebo. Chi dice “è tutto placebo” dell’omeopatia o dell’agopuntura, connotando negativamente, se non con disprezzo, il fenomeno. Chi dice “ma guarda che pure gli animali vengono curati con l’omeopatia e non si può certo dire che siano influenzabili dall’effetto placebo come noi”. Chi si limita a constatare che il fenomeno esiste ed ha a che fare con la suggestione. Trattando il fenomeno con sufficienza – somministrare un farmaco o un trattamento fasulli facendo credere che siano efficaci – alla stregua di un gioco di prestigio. Un inganno, però a scopo benefico.

In realtà il fenomeno è molto più complesso, ramificato e interconnesso con tutta una serie di dinamiche. Non ancora del tutto chiarite. Entrano in gioco fattori psicosomatici, l’ambiente culturale e religioso, le attese, le aspettative e le speranze verso chi ci assiste, ci cura e ci somministra medicine e trattamenti. Addirittura, tra i molteplici fattori, l’aspetto e l’arredamento in cui veniamo curati, i colori, gli odori, i profumi. Il colore e l’aspetto dei medicinali. E, naturalmente, il rapporto medico-paziente. La fiducia, l’empatia e il rispetto che riponiamo in quanti ci curano. Non solo medici, ma terapeuti in generale. Che poi sono coloro che, avendo recuperato un rapporto globale con i pazienti, spesso sopperisco alle mancanze relazionali dei medici. Magari trincerati dietro le loro scrivanie, i loro apparati tecnici. Senza il minimo contatto fisico col paziente. Dimenticando che la cura è prima di tutto relazione, accoglienza dell’altro sofferente, in senso globale. Durante l’incontro di studio sul placebo, di cui parliamo più avanti, è infatti riemerso il concetto di “trattare il paziente, non la malattia”.

Dall’etimologia della parola, derivata da un proverbio, che all’origine significava “portare qualcosa di piacevole”, il termine venne coniato dal medico e farmacologo inglese Alexander Sutherland nel 1763 e in seguito introdotto nel linguaggio sanitario dal medico scozzese William Cullen nel 1772. All’origine con placebo  non si intendeva una sostanza inerte, ma, ad esempio, un basso dosaggio di medicamento considerato, dal punto di vista medico, inefficace.

“Nel tardo 18° secolo – dice Robert Jütte – il termine ‘placebo’ entrò a far parte del gergo medico. In contrasto con l’opinione prevalente che indica il medico e farmacologo scozzese William Cullen (1710-1790) come colui che nel 1772 avrebbe introdotto  l’espressione nel linguaggio medico, il credito deve essere dato ad un altro medico inglese, Alexander Sutherland (nato prima del 1730 – morto dopo 1773). La ragione principale della  gestione del placebo alla fine del 18° secolo nella pratica medica è stata motivata dal soddisfare la domanda del paziente e le sue aspettative. Un altro motivo era l’ostinazione del paziente: la motivazione alla base di tali prescrizioni consisteva nel prescrivere farmaci inerti per soddisfare la mente del paziente, e non con il fine di fornire alcun diretto effetto curativo”.

Ad indagare i molteplici e ramificati aspetti dell’effetto placebo – dopo interi trattati e convegni sul tema – ci ha di nuovo provato, a maggio delle scorso anno, un gruppo di studiosi riuniti a Villa La Collina, sulle rive del Lago di Como. Due giorni intensi di confronto tra ricercatori, soprattutto tedeschi, su sollecitazione di Robert Jütte, storico della medicina, in particolare dell’omeopatia e dell’effetto placebo. Tra i relatori del workshop anche un veterinario, per la prima volta ad un convegno sul placebo. Come è emerso dal confronto e dalle ricerche presentate, anche gli animali risentono positivamente o negativamente (esiste anche il contrario: l’effetto nocebo) dal rapporto con il loro curante, oltre che con il loro compagno umano. Chiunque abbia un cane o un gatto sa quanto l’effetto empatico scatti con la parola, la carezza o anche semplicemente lo sguardo indirizzati all’animale domestico. L’omeopatia veterinaria, peraltro, esiste fin dagli inizi del 1800, anche se scarseggiano le pubblicazioni cliniche al riguardo.

Temi e confronti di questo incontro sono ora raccolti nell’ultimo numero di Complementary Therapies in Medicine, in cui emerge come sia necessario andare oltre l’idea lineare di malattia, guardandola invece nella sua prospettiva multifattoriale. In cui l’effetto placebo rientrerebbe nei processi di autoguarigione insiti in ognuno di noi. Di conseguenza viene ribaltata la posizione del placebo: da fatto marginale, si pone come questione centrale della medicina. Dentro questa semplice definizione, vi stanno invece una molteplicità di fattori, un intreccio vasto e variegato tra i poli medico e paziente, salute e malattia, mente e mondo esterno. Un effetto che ha a che fare con la risposta naturale dell’organismo, con ciò che ne sollecita o ne induce la risposta naturale, piuttosto che provocarla.

“Attualmente circa 2000 pubblicazioni hanno a che fare con la risposta al placebo – spiega Paul Enck, Università di Tubinga, Germania – e 150 con la risposta nocebo. Sembra vi sia una certa omogeneità della risposta in condizioni cliniche: tra il 30 e il 40% di tutte le condizioni sembrano mostrare qualche risposta placebo”.

Non è facile definire il placebo, come non lo è farlo per l’empatia, un elemento basilare nel rapporto fiduciario di cura. Per la ricerca, diventa perciò importante mettere a punto un questionario che elenchi gli elementi peculiari di ciò che definiamo empatia. Ognuno di noi chiede vi sia professionalità, competenza tecnico-scientifica, ma, allo stesso tempo,  che vi sia con il curante un “rapporto umano”. Ogni volta che veniamo trattati in modo freddo e distaccato in un ambiente adibito a ricevere e curare le persone – non soltanto dal medico, ma anche da infermieri, segretari o tecnici – ne risentiamo sul piano psicologico. Pure l’accoglienza fa parte della cura. Anzi, ne è un prerequisito fondante.

Infine, se vogliamo, come hanno scritto due studiosi del fenomeno “fino a tempi recenti, la storia delle cure mediche è essenzialmente la storia dell’effetto placebo” (Shapiro A.K., Shapiro E., The placebo: is it much ado about nothing?,
Harrington A., Ed., The placebo effect: an interdisciplinary exploration, 1997, Harvard University Press).ComplementaryMedicineT

Nella foto:  Robert Jütte

Fonti:  Complementary Therapies in Medicine, The Placebo Effect and its Ramifications for Clinical Practice and Research: An Expert Workshop, Lake Como, Italy, 4-6 May 2012, Volume 21, Issue 2, April 2013, Pages 94–97

Intervista audio a Robert Jütte sul placebo (in tedesco)

Vedi anche:  Placebome: si chiariscono gli aspetti genetici e neurofisiologici dell’effetto placebo

Diventare vegano per non essere diabetico? Non proprio


CeciliaInvittiOK“Hai il diabete? Diventa vegano”: con questo slogan la notizia è rimbalzata dall’agenzia di stampa Adnkronos Salute su molte testate online, soprattutto dedicate alle diete vegetariane e vegane. Ma anche sui portali di medicina e in quelli dedicati al diabete. Secondo tale notizia, la ASL di Milano inviterebbe i medici a suggerire ai loro pazienti affetti da diabete 2 nel seguire la dieta mediterranea ma, preferibilmente, quella vegetariana e, in particolare, quella vegana (escludendo quindi qualsiasi tipo di alimento di origine animale, compresi latticini o uova).

La notizia aveva il seguente, testuale attacco, ad effetto: «”Hai il diabete? Diventa vegano”. A breve questo potrebbe essere lo stralcio di una conversazione medico-paziente a Milano. Perché la nuova linea suggerita dall’Asl del capoluogo lombardo ai camici bianchi, sulla base degli ultimi studi in materia, è proprio quella di prescrivere una svolta alimentare a chi combatte con il diabete di tipo 2. Una svolta che porta all’addio alle carni. “Dieta vegana, oppure mediterranea correttamente impostata, attività fisica, cessazione dal fumo”. Ecco le prime ‘terapie’ da indicare ai pazienti, secondo quanto viene riportato in un documento “destinato a 1.100 medici di medicina generale della metropoli e a specialisti in forze negli ospedali”, spiega Alberto Donzelli, direttore del Servizio educazione all’appropriatezza dell’Asl di Milano, anima del progetto».

Abbiamo cercato di approfondire, sentendo Cecilia Invitti, endocrinologa, diabetologa, direttore del Dipartimento di riabilitazione endocrino-metabolica dell’Auxologico di Milano. Centro medico e di ricerca, l’Auxologico, tra l’altro citato tra quelli accreditati nel documento dell’Asl di Milano sul diabete (p-Pdta, percorso Preventivo Diagnostico Terapeutico Assistenziale del paziente affetto da diabete mellito di tipo 2).

Come si è giunti a suggerire una dieta vegana ai pazienti affetti da diabete 2?

Premetto che la notizia diffusa da Adnkronos Salute non è corretta in quanto le indicazioni nutrizionali riportate nelle linee guida sul diabete della ASL di Milano cui si riferisce l’articolo non promuovono la dieta vegana, ma consigliano la dieta mediterranea. Tanto è vero che i diabetologi che hanno collaborato alla stesura del Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico- Assistenziale (p-Pdta) del paziente affetto da diabete mellito di tipo 2 – Aggiornamento 2011/2012 stanno scrivendo alla ASL chiedendo di rettificare la notizia.

La dieta vegana (fortemente spinta da Donzelli che è vegano e che evidentemente ha rilasciato l’intervista dicendo cose che gli erano state contrastate dai diabetologi che non le condividevano) può attirare perché  non necessariamente ipocalorica.

Quali sono dunque gli alimenti indicati a livello internazionale per contrastare il diabete 2 e, in generale, l’infiammazione?

Gli studi per valutare l’effetto di diversi interventi dietetici (review su Weickert M O What dietary modification best improbe insulin sensitivity and why?) hanno dimostrato che solo la dieta mediterranea, il consumo di cereali insolubili ed il consumo di fibre riducono il rischio di diabete e di malattie cardiovascolari, aumentano la sopravvivenza e riducono l’infiammazione. Al contrario le diete a basso contenuto di grassi totali o saturi o con aumento di grassi monoinsaturi o polinsaturi migliorano il profilo lipidico e la pressione arteriosa (monoinsaturi) e riducono le citochine infiammatorie, ma non influenzano il rischio di diabete.

Le diete povere di carboidrati non riducono il rischio di diabete nel breve termine (viene comunque raccomandato di non scendere sotto i 130 g/die per esigenze del cervello), quelle ad alto contenuto proteico  aumentano la sazietà e riducono il peso nel breve termine, ma esercitano effetti nocivi sulla sensibilità all’insulina ed il rischio di diabete. Perfino il beneficio sul rischio di diabete delle diete a basso indice glicemico è controverso, anche se riducono l’infiammazione.

In conclusione per il momento i consigli di una sana alimentazione sono sempre gli stessi. Dieta mediterranea, sostituendo i grassi saturi con i polinsaturi ed i monoinsaturi, limitando gli zuccheri semplici e aumentando il consumo di cereali.

Il lato positivo della dieta vegana (al di fuori di quelli filosofici) è che include la maggior parte dei cibi considerati più salutari  (mele e mandorle cardioprotettive, broccoli anti-cancro, mirtilli anti-declino cognitivo e protettori dei vasi, spinaci, patate dolci e germi di grano ricchi in antiossidanti, avocado costituiti da monoinsaturi e anti cancro della bocca, avena anticolesterolo e antidiabete, olio di pesce fa bene a cuore e cervello ed è anti-cancro della prostata) e questa dieta riduce lipidi, pressione arteriosa e cancro. Inoltre, non trovi un vegano grasso.

I vegani però lamentano frequentemente ansia, annebbiamento cerebrale, depressione, stanchezza, insonnia, neuropatie a causa di una dieta restrittiva che può indurre deficit nutrizionali. Il principale è il deficit di vit B12 che è presente solo nei prodotti animali. Senza vitamina B12 si sviluppano anemia megaloblastica e disturbi neurologici.  Se la dieta vegana è monotona e non include vari tipi di vegetali con diverso contenuto proteico, può verificarsi anche la carenza proteica. Spesso l’apporto di calcio dei vegani è inferiore al fabbisogno giornaliero con possibili rischi di fratture. Altrettanto vale per la vit D, in particolare per chi non si espone al sole. Al contario, i vegani non hanno deficit di ferro perché  la vitamina C aumenta l’assorbimento di ferro.

Fonti

Adnkronos Salute, Salute: Asl Milano a medici, prescrivete dieta vegana ai diabetici

Le pause biologiche


Non solo andropausa e menopausa ma PINEOPAUSA verso i 30anni con cessata produzione di melatonina , TIMOPAUSA verso i 40anni con scarso funzionamento del TIMO , organo chiave della immunità , PANCREOPAUSA verso i 50anni con ridotta secrezione di insulina e quindi cattivo controllo degli zuccheri , PNEUMOPAUSA con ridotta assunzione di ossigeno , ed altre pause ancora responsabili della comparsa di aritmie cardiache , anemia ecc.ecc. a conferma che biologicamente questa longevità non ci appartiene .  Come contrastare questo invecchiamento fisiologico ? Certo fitness moderato ed alimentazione congrua ma c’ è un trucco che tutti noi possiamo sfruttare ed è quello di  assumere ciclicamente una molecola nota come SAMe cioè adenosin metionina la cui caratteristica è quella di essere pleiotropica , ridondante , promiscua e prostituta in altre parole interviene sui recettori della membrana cellulare dandogli operatività e migliorando le comunicazioni delle cellule con la consegiuenza di limitare i danni indotti dalle varie pause. Da anni , in clinica , prescrivo ai pazienti depressi CELLFOOD SAMe  8 gtt sotto la lingua mattino e sera e solo ora ho capito perchè diventato allegri , semplice,  questa molecola attiva la produzione di dopamina. Analogamente avviene per l’insulina con conseguente migliore controllo degli zuccheri. Ha inoltre azione antiaritmica e migliora l’ossigenazione , semplice no ?

David Perlmutter: epigenetica, scelte di vita, salute e longevità


DavidPerlmutterDavid Perlmutter, neurologo, è direttore medico del Perlmutter Health Center (Naples, Florida), professore presso l’Institute for Functional Medicine (Federal Way, Washington) e presso University of Miami, Miller School of Medicine (Miami, Florida). Molto attivo in rete e come saggista, un paio di suoi libri sono usciti anche in italiano.

Intervistato sull’ultimo numero di Alternative and Complementary Therapies, alla domanda «Nel corso delle nostre vite, quanto della salute del cervello è in nostro potere?», David Perlmutter risponde:

«Abbiamo un grande potere. Molti di noi sono cresciuti in un momento di determinismo genetico e hanno dovuto lavorare basandosi sulla dicotomia “natura-contro-cultura” che pone l’interrogativo : “Siamo il prodotto dei nostri geni o dei nostri ambienti?”.

«Ma ora ci rendiamo conto che la nostra salute e la longevità effettivamente rappresentano una bella danza tra natura e cultura. Non è una o l’altra. La nostra salute si basa sulle scelte che facciamo interagire con le nostre predisposizioni genetiche. Infatti, oltre il 70% dei geni che codificano per la salute e la longevità sono sotto controllo epigenetico. E’ un concetto potente. Vale a dire che attraverso le nostre scelte di vita, abbiamo la notevole capacità di controllare la trascrizione di quegli stessi geni che si occupano di salute e longevità, compresa la salute del cervello».

Nostro commento: è solo lontanamente immaginabile lo scenario che l’epigenetica ci pone di fronte. E’ anche facile farsi prendere dall’entusiasmo e dalla fantamedicina, ritenendo che in condizioni mediamente normali la salute e il benessere siano in gran parte nelle nostre mani. Dipendenti dalla nostra volontà e dalle nostre scelte di vita. Non soltanto rispetto all’alimentazione, alle cure, all’attività fisica o agli stili di vita in generale. Ma pure rispetto alle attività mentali che scegliamo di coltivare. Le persone che scegliamo di frequentare. Gli studi. L’allenamento cognitivo. E tutto ciò che può arricchire e ampliare le nostre reti neuronali.

Altrettanto dicasi per le future madri e i bimbi in gestazione. Dalle scelte alimentari, psicologiche e ambientali delle madri, dipenderà una parte del destino epigenetico dei nascituri. Che successivamente sarà comunque risultante dalla sommatoria geni più ambiente. In ogni momento, per tutto l’arco della vita. In modo più potente in certe fasi “finestra”, meno in altre, ma comunque interagente. Sia ambiente esterno che interno. Sia fatti fisici che eventi mentali. E’ bello chiamarla “danza” tra geni e ambiente, come fa David Perlmutter. E’ però fondamentale fare tesoro degli insegnamenti e delle indicazioni dell’epigenetica, con equilibrio e senso della misura. Senza farsi prendere da ansie rispetto a cose irrealizzabili ed elucubrazioni da fantamedicina.

Fonti: 

“Epigenetics as Fuel for Brain Health”, Alternative and Complementary Therapies, DOI: 10.1089/act.2013.19103, Vol. 19 No. 1 February 2013

Libri di David Perlmutter in italiano

Sito ufficiale David Perlmutter

Vedi anche il post precedente: “Epigenetica, ambiente e malattie. Intervista ad Andrea Fuso”.

II ritorno della telepatia alla Duke University di Durham, tra topi


Nicolelis_02_okE’ singolare, forse non casuale, che l’esperimento di “telepatia” tra topi, grazie ai sistemi di BCI (brain computer interface) sia stato realizzato alla Duke University  di Durham (North Carolina). Proprio laddove nacque il tentativo dello psicologo Joseph Banks Rhine di rendere sperimentale la parapsicologia. Eseguendo prove ripetibili, standardizzate e valutate statisticamente della capacità ESP (Extrasensory perception, nello specifico, telepatia, chiaroveggenza, precognizione). Tentativo di rendere scientificamente studiabili le facoltà paranormali miseramente fallito, dato che, a distanza di decenni e migliaia di pubblicazioni, tali facoltà vengono tuttora messe in dubbio dalla comunità scientifica internazionale. Anche in ragione del fatto che presupporrebbero, se non un cambiamento, un ampliamento dei paradigmi scientifici su cui basiamo le nostre valutazioni. Magari verso quella fisica quantistica, dei quali molti parlano, a volte a torto, spesso per sentito dire.

Laddove la parapsicologia ha fallito, ecco arrivare l’interfaccia cervello-computer, con un personaggio che ha fatto di questa linea di ricerca la sua missione: il neurobiologo e bioingegnere Miguel Nicolelis, brasiliano di nascita, operativo anche nel suo paese d’origine. Proprio alla Duke University, Nicolelis ha creato e codirige il Duke University Center for Neuroengineering. E il fatto che Nicolesis sia originario e attivo anche in Brasile, rende ragione dell’esperimento in cui si fa “comunicare telepaticamente” topi statunitensi e topi brasiliani.

Nel suo libro Il cervello universale. La nuova frontiera delle connessioni tra uomini e computer, pubblicato di recente in italiano da Bollati Boringhieri, Nicolelis traccia la storia, la filosofia, ma anche la visionarietà, che lo guida nelle sue ricerche e applicazioni di interfaccia cervello-sistemi informatici:

“Nel nuovo mondo incentrato sul cervello queste possibilità neurofisiologiche da poco acquisite estenderanno senza sforzo né soluzione di continuità le nostre capacità motorie, percettive e cognitive fino al punto in cui il pensiero umano potrà essere tradotto efficientemente e senza problemi nei comandi motori necessari per produrre le fini manipolazioni di qualche nanostrumento o le complesse attività di un sofisticato robot industriale. In questo futuro, tornando nella vostra casa delle vacanze, seduti nella vostra sedia preferita guardando il vostro mare preferito, un giorno potrete forse chiacchierare tranquillamente con una delle moltissime persone nel mondo usando Internet, senza però premere i pulsanti di una tastiera o pronunciare una singola parola. Nessuna contrazione muscolare sarà richiesta, basterà il pensiero”.

Basterà il pensiero. Proprio ciò da cui partirono gli studi di Rhine a altri parapsicologi sperimentali: la “forza” del pensiero. O, meglio, il contenuto informativo del pensiero e, in associazione, un quesito sperimentale: come è possibile trasferire “direttamente” il contenuto informativo del pensiero? La BCI ha sta rispondendo praticamente a questa domanda.

Gli scopi e gli obbiettivi della BCI sono tra l’altro, e soprattutto, volti ad aiutare tutti coloro che, per malattie o traumi, abbiano degli impedimenti motori, di linguaggio o di comunicazione col mondo esterno. L’interfaccia cervello-computer – come avviene già nei malati di SLA, ad esempio – aiuta queste persone a comunicare e addirittura  svolgere attività di trasmissione dei propri contenuti mentali al mondo, pur nell’impossibilità di farlo verbalmente, o scrivendo su una tastiera, vedi il caso di Stephen Hawking.

Ho avuto la fortuna di partecipare, ormai dieci anni fa, a una riunione a “porte chiuse” con i maggiori rappresentanti della BCI in Italia. Una iniziativa del fisico ex-Cern di Ginevra Furio Gramatica, a fianco del quale ho avuto il privilegio di lavorare, oggi direttore del Polo Tecnologico dell’Irccs Fondazione Don Gnocchi di Milano. Dove Furio Gramatica prosegue le ricerche e i contatti internazionali sulla BCI. Già dieci anni fa gli entusiasmi per questo settore erano grandi. Pareva di sfiorare il futuro. Oggi il futuro è a portata di mano. Guidata a distanza dal pensiero.

Nella foto: Miguel Nicolelis.

Fonti:

Douglas Heaven, First mind-reading implant gives rats telepathic power, Nature Scientific Reports, DOI: 10.1038/srep01319 (con filmato delll’esperimento e dichirazioni di Miguel Nicolelis) 

Ed Yong, Intercontinental mind-meld unites two rats. But critics are sceptical about predicted organic computer, Nature News.

Gli esperimenti ESP di J.B. Rhine alla Duke University

Duke University Center for Neuroengineering

Nicolelis Lab

Scheda su Miguel Nicolelis in 21 minuti – I saperi dell’eccellenza

Furio Gramatica, Sviluppo di un applicatore (caschetto) di dry electrodes per il monitoraggio di biosegnali (EEG, BCI), Polo Tecnologico, Fondazione Irccs Don Gnocchi