• agosto: 2019
    L M M G V S D
    « Lug    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  
  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 1.403 follower

  • Statistiche del Blog

    • 304.489 hits
  • Traduci

Più sale-meno sale. Più grassi-meno grassi. Paradossi della medicina


SaleSaluteDopo avere passato anni ad addestrare i miei pazienti ad usare il sale con parsimonia perché aumenta la pressione arteriosa e favorisce malattie cardiovascolari, ecco un intervento del prof. Mantovani, eminente immunologo e direttore scientifico dell’ospedale Humanitas, che mette punto, fermo restando che l’abuso crea  problemi cardiovascolari, l’importanza del sale nella difesa dell’organismo e sul suo ruolo nello sviluppo di malattie. Due diversi studi pubblicati su Nature hanno riportato la scoperta di un sensore molecolare posto nelle cellule della immunità in grado di percepire la concentrazione di sale e di innescare una risposta immunitaria che porta alla differenziazione di un sottotipo di linfociti T in grado di attivarsi in funzione degli agenti patogeni che  attaccano il nostro organismo. Questo particolare tipo di cellule, definite TH 17, in particolare combattono i batteri extracellulari quali lo streptococco e lo stafilococco. Questa osservazione confermerebbe l’importanza del sale nello sviluppo del sistema immunitario, ma nello stesso tempo aprirebbe l’ipotesi allo sviluppo di malattie autoimmuni che fa eccesso di sale. Come clinico concluderei invitando ad attuare con gli esami del sangue di routine anche il controllo del quadro elettrolitico che evidenzia i livelli ematici di sodio, cloro e potassio.

L’altro paradosso sicuramente più complicato da interpretare è quello che il sovrappeso, addirittura ai limiti della obesità,  in pazienti anziani ed anche portatori di malattie croniche rappresenterebbe un fattore di prevenzione in quanto è stata dimostrata   una minore mortalità di questo gruppo rispetto a coetanei normopeso ed in perfetta salute. Questa affermazione deriva da uno  studio inequivocabile effettuato da biostatistici del Centers for disease control di Atlanta pubblicato su Jama. Chi è in sovrappeso con un indice di massa corporea  (BMI) fra 25 e 30  ha una diminuzione del rischio di morte del 6 % rispetto a chi è normopeso, mentre chi è obeso ha un rischio morte superiore del 18 %. Le ipotesi per spiegare questa contraddizione sono molteplici ma forse la più logica  potrebbe essere quella  che molte di queste persone sono seguite più attentamente dai medici ed assumono farmaci salvavita come ipotensivi ed antiaggreganti con maggiore frequenza.

More & cuore: frutta e verdura rosso-blu proteggono il cuore delle donne dall’infarto


FragoleMirtilliOKFrutta, ma anche verdura rossa/blu (contenente antociani, famiglia dei flavonoidi, come mirtilli, fragole, melanzane, more, ribes nero) hanno un ruolo importante nel preservare donne giovani e di mezza età dal rischio di infarto del miocardio.

Lo dice uno studio (Nurses’ Health Study II, seconda parte dell’indagine sui fattori di rischio di varie malattie in migliaia di infermiere reclutate) pubblicato nell’ultimo numero di Circulation dell’American Heart Association che ha coinvolto 93.600 giovani donne per la durata massima di 18 anni, esaminando la relazione tra assunzione di sottoclassi di flavonoidi e rischio di infarto miocardico.

“Ad oggi, l’attenzione si è concentrata sui fattori di rischio per la malattia coronarica nelle persone anziane, e i fattori di rischio possono variare con l’età, soprattutto nelle donne. Abbiamo una conoscenza limitata dei fattori di rischio modificabili per evitare l’infarto del miocardio nelle donne giovani, in particolare in relazione alla dieta. I flavonoidi, composti bioattivi presenti negli alimenti e nelle bevande a base vegetale, esercitano i potenziali effetti benefici sulla funzione endoteliale e sulla pressione sanguigna a breve termine, ma sono sconosciuti gli effetti di assunzioni abituali sul rischio di infarto del miocardio nelle donne più giovani”.

Negli anni dello studio si è constatata una riduzione del 32% del rischio cardiovascolare, indipendente da altri fattori alimentari/stile di vita noti, come fumo, indice di massa corporea, consumo di frutta e verdura.

“Per correlare questi risultati ai fini della salute pubblica, abbiamo dimostrato che l’assunzione combinata delle fonti principali di antociani (fragole e mirtilli) si associa ad una riduzione del rischio di infarto miocardico. Questo studio suggerisce che consumi elevati di antociani possono ridurre il rischio di infarto miocardico nelle giovani donne. Sono necessari studi di intervento per valutare gli end point clinicamente rilevanti, e la prevenzione dovrebbe puntare ad aumentare l’assunzione di cibi ricchi di antociani”.

Lo studio valuta l’assunzione di ogni alimento (fragole, mirtilli) fino a 6 volte al giorno. Il ruolo cardioprotettivo, ma anche neuroprotettivo, delle antocianine è noto da tempo a livello empirico e sperimentale. StudioCirculationQuesto studio è importante per vastità, durata, campione esaminato e conclusioni. Altrettanto importanti, su cui riflettere, anche le conclusioni “a margine”. In cui si dice esplicitamente che “la nostra attuale conoscenza dei fattori di rischio modificabili per evitare l’infarto del miocardio nelle donne giovani e di mezza età è limitata, e l’impatto della dieta è in gran parte sconosciuto”.

Riferimenti biblio: Cassidy A, Mukamal KJ, Liu L, Franz M, Eliassen AH, Rimm EB., High anthocyanin intake is associated with a reduced risk of myocardial infarction in young and middle-aged women, Circulation. 2013 Jan 15;127(2):188-96