• settembre: 2020
    L M M G V S D
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  
  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Unisciti ad altri 1.630 follower

  • Statistiche del Blog

    • 543.470 hits
  • Traduci

E la storia del mio paziente Ulisse continua


Il seguente post è di Enzo Soresi. 

Il nostro libro “Guarire con la nuova medicina integrata” edito da pochi mesi, racconta, tra l’altro, la lotta di Ulisse, pseudonimo di un mio paziente, contro il suo mesotelioma o tumore pleurico. Il libro racconta, dietro sua autorizzazione, di  come sia stato possibile da parte di Ulisse  combattere con tutte le armi possibili contro questa severa malattia neoplastica a prognosi infausta e come grazie alla sua resilienza la sua qualità di vita in questi 6 anni  sia stata sempre soddisfacente. L’epilogo del  libro è interlocutorio in quanto a maggio del 2012 il tumore sembra riproporsi con maggiore aggressività e le armi a disposizione in teoria esaurite.

Rimane come ultima chance la Burzynski Clinic di Houston a cui  Ulisse si era rivolto inviando i preparati istopatologici per ulteriori ricerche che potessero fare sperare  in qualche  nuovo approccio terapeutico.  Ad agosto Ulisse si è recato personalmente a Houston e lì dopo ulteriori esami ha iniziato una nuova terapia con due nuovi prodotti biologici assunti per bocca ed identificati grazie a queste nuove ricerche.

Tornato in Italia, su mio consiglio,  ha ripreso una chemioterapia con Alimta ed Avastin ed il risultato dopo complessivi tre mesi di terapia è stato quello di una buona regressione del tumore diagnosticata dalla PET. Ora, su suggerimento dei colleghi americani, viene proposta un nuovo tipo di chemioterapia sempre associata ad anticorpi monoclonali, ma arrivano le vacanze di Natale ed Ulisse sembra stanco di lottare. Tutte queste terapie infatti lo hanno affaticato ed il suo desiderio sarebbe quello di fare una lunga pausa per dare respiro al suo sistema immunitario. Come terapia di supporto mantiene i peptidi preparati dal professor Smith, ed è sulla base di  questi e del vischio sottocute  che si potrà prendere una giusta pausa da terapie aggressive.

 

E la storia di Ulisse continua…


A metà settembre uscirà da Sperling & Kupfer il libro dal titolo “Guarire con la nuova medicina integrata” scritto da me con la collaborazione di Pierangelo Garzia (coblogger) ed Edoardo Rosati. Il flusso narrativo, inserito in un discorso più generale sulla medicina integrata, riguarda la  storia di un mio giovane paziente a cui, nel novembre 2006, fu diagnosticato un tumore della pleura più noto come mesotelioma. Si tratta di una malattia molto aggressiva e dalla prognosi assai critica.

In ogni capitolo racconto tutto ciò che questo paziente ha dovuto affrontare per superare, almeno transitoriamente, la sua malattia. Chemioterapia, chirurgia radicale con asportazione del polmone e della pleura, radioterapia post chirurgica e successiva riabilitazione, ipertermia, vaccini biologici allestiti per lui in una Clinica tedesca, fitoterapia, alimentazione priva di proteine animali, lunghe sedute di psiconcologia secondo la scuola dei coniugi Simonthon.  Ed infine una nuova terapia con peptidi finalizzata a potenziare il più possibile il sistema immunitario.

Il giovane paziente, che nel libro si chiamerà Ulisse come l’eroe Acheo,  convive  con la sua malattia da quasi 5 anni con una buona qualità di vita favorita  dalla sua capacità emotiva di tollerare la convivenza con questo micidiale nemico (resilienza). Nell’epilogo del libro rimane aperto il finale in quanto Ulisse sta bene ma la malattia spinge e nonostante  tutto ciò che ci siamo inventati terapeuticamente, non molla la presa.       

Il prossimo passo, che ci auguriamo definitivo, sarà in una clinica specializzata ad Houston dove imposteranno una terapia mirata sulla base di uno studio genetico della sua malattia. Assieme stiamo preparando tutto il materiale richiesto per potere entrare in questo percorso terapeutico e presumibilmente in agosto Ulisse partirà per affrontare questa nuova terapia con la speranza di entrare nel gruppo dei pazienti responsivi.

Come vedete la lotta continua ed attraverso questo blog vi aggiornerò sull’andamento delle cure però, vi raccomando, tifate per la guarigione di Ulisse così come sto tifando io. La sua vittoria contro il male, in fondo, è la vittoria di ognuno di noi.

Un libro che ho letto con passione e amo molto è “L’imperatore del male” (Neri Pozza) dell’oncologo della Columbia University Siddharta Mukherjee, vincitore l’anno passato del premio Pulitzer. Proprio oggi Mukherjee parteciperà alla Milanesiana con un intervento dal titolo “Perfezione e imperfezione della ricerca”. In una intervista rilasciata qualche giorno fa a Paolo Betramin del Corriere, Mukherjee ha detto: “Di fronte al paziente, il medico avrebbe sempre il dovere di ammettere l’incertezza. Perché l’incertezza è la vera base della medicina”. Condivido. Oltre a una certezza per cui mi batto da tempo, anche attraverso l’associazione Octopus. Quando il giornalista chiede a Mukherjee di indicare i primi tre consigli per ridurre i rischi di cancro, questi risponde: “Smettere di fumare, smettere di fumare, smettere di fumare”.