• maggio: 2010
    L M M G V S D
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  
  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 1.602 follower

  • Statistiche del Blog

    • 530.434 hits
  • Traduci

Checklist Manifesto. Le liste anti-errore


Gli elenchi, le liste di controllo sono utili a tutti. Sia che si vada a fare la spesa (“accidenti, ho scordato la carta igienica!”), sia che si piloti un aereo, oppure si debbano seguire una serie di priorità nell’esecuzione di determinati lavori o nel controllo di un impianto tecnico. Mettere a punto una lista di cose da fare è decisamente meglio, e soprattutto più efficace, che non rendersi conto a posteriori di aver scordato qualche passaggio. La lista codificata struttura il pensiero. Dà ordine alle nostre azioni. Limita le dimenticanze, a volte anche gravi e irrimediabili. Inoltre, per loro stessa natura, le liste sono perfezionabili. Anche se, ovviamente, non dovrebbero occupare decine e decine di pagine di questionario. Ancora più efficaci, comunque, se vengono gestite da personale “specializzato” nell’eseguire i controlli attraverso le checklist. A maggior ragione se avete a che fare con la pelle della gente, ad esempio da sottoporre ad un intervento chirurgico.

Sono episodi da cronacaccia. Quelli che si beccano l’appellativo di “malasanità”. Errori che sembrano assurdi, inconcepibili per la gente. Operato alla gamba sbagliata (o altra parte del corpo). Dimenticati garze e pinze chirurgiche nell’addome. E via suturando. Come è possibile?, si domanda la gente. E’ possibile. Tutte le volte in cui gli interventi si susseguono a ritmo serrato. Ogni volta che la stanchezza e lo stress (o altri fattori contingenti) fanno perdere lucidità e attenzione. Ogni volta che routine, atti ripetuti, automatismi, interruzioni impreviste, distrazioni, fanno calare una cortina fumogena sui comportamenti, il rischio di errore è dietro l’angolo.

Così come l’incidente o, addirittura, il disastro, se dai nostri comportamenti possono derivarne conseguenze. Come nel caso di controllo e gestione di attrezzature e impianti complessi (si tratti di centrale nucleare, aeroporto o blocco operatorio). Ogni volta, appunto, che non vi siano persone dedicate a verificare, a controllare che tutto sia stato fatto nel verso giusto (e i ferri chirurgici siano di nuovo tutti lì nelle vaschette).

Ne è oltremodo convinto il chirurgo e scrittore statunitense Atul Gawande, autore di The Checklist Manifesto, già un bestseller in America. Evidentemente Gawande ha intercettato una necessità: in un mondo sempre più veloce e complesso, la mente umana ha bisogno di qualche regola per rallentare un attimo e riflettere su quanto va facendo. Anche perché Gawande, come nei precedenti libri (un paio editi anche da noi, Salvo complicazioni da Fusi Orari e Con cura da Einaudi, scritti benissimo), parte dalla sua esperienza di chirurgo per affrontare temi molto più ampi della nostra vita quotidiana. Un esempio di come la cultura medica, e la riflessione sulla medesima, possa estendersi a molti altri aspetti della nostra esistenza. Quando si ha a che fare col sottile confine che divide la vita dalla morte, ogni altro argomento risulta consequenziale.

Il tema dell’efficacia delle checklist di sicurezza – come evitare e limitare l’errore medico, fonte di molti guai prima di tutto per il paziente, ma anche per le conseguenze legali ed economiche per medici ed ospedali – è molto dibattuto nella comunità chirurgica internazionale. Sia sulle principali riviste mediche (vedi ad esempio JAMA) che  in una miriade di siti e, addirittura, attraverso filmati “didattici” su YouTube.

Tenete d’occhio The Checklist Manifesto (uscirà, ne sono certo, anche da noi). E soprattutto il giovane e brillante chirurgo Atul Gawande. Time della scorsa settimana lo include tra le 100 persone attualmente più influenti al mondo (basti vedere citazioni e discussioni, pro e contro, che ha suscitato sulla letteratura medica internazionale, ma anche economica). Uno scienziato della checklist, finito in una checklist.

* Vedi anche i materiali su “come si usa la checklist in sala operatoria” nel sito del Ministero Salute: testi, video. Intervista ad Atul Gawande sull’importanza delle checklist .

News –  E’ trascorso più di un anno, ma la “profezia” si è avverata: il libro è uscito anche da noi (Checklist, pubblicato da Einaudi, come il precedente Con cura).