• settembre: 2018
    L M M G V S D
    « Ago    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 1.352 follower

  • Statistiche del Blog

    • 280.982 hits
  • Traduci

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

    Segui assieme ad altri 1.352 follower

Maurice Henry Pappworth e la “medicina” criminale


PappworthCapita che ci si stupisca, inorriditi, della crudeltà umana. Della pervicacia apparentemente senza limiti di infliggere dolore e sofferenza ai nostri simili. Persino da parte di chi dovrebbe dedicare tutto se stesso, invece, per alleviare le sofferenze. Per curare. Possibilmente per guarire. Eppure sono esistiti i medici nazisti. Che non si dovrebbe continuare a definire medici. Ma non solo loro. Non solo quelli processati e condannati a Norimberga.

A guerra terminata. A campi di concentramento smantellati. A quasi due decenni dopo, medici della civilissima Inghilterra, presso i centri sanitari universitari, trattavano i pazienti ospedalieri, ma pure quelli di carceri, orfanotrofi e istituti psichiatrici, come cavie da laboratorio. Effettuando esperimenti crudeli e spesso mortali, che nulla avevano a che fare con la cura del paziente. A rivelarlo quello che venne definito un rompicoglioni, una spia. Oggi finalmente il pioniere della medicina etica. Il whistleblower per eccellenza. Il suo nome era Maurice Henry Pappworth. E nel 1967 pubblicò il saggio-denuncia, in cui rivelava queste crudeltà (proseguite nei decenni successivi nei paesi poveri): “Human Guinea Pigs”. Uscito in italiano, ma poco conosciuto, con il titolo “Cavie umane : la sperimentazione sull’uomo” (Feltrinelli, 1971). E pressoché ignoti, da noi, il nome e la vicenda di Maurice Henry Pappworth. Un uomo e una storia da film.