• marzo: 2019
    L M M G V S D
    « Feb    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031
  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 1.381 follower

  • Statistiche del Blog

    • 295.434 hits
  • Traduci

Complotti, cospirazioni e altri misteri. Ovvero: come diventare complottologi in poche lezioni


Mi hanno sempre affascinato le teorie del complotto. Mi sono ritrovato a leggere, se non per intero, buona parte dei volumoni che i complottisti (coloro che scorgono complotti in ogni dove), soprattutto di matrice americana, amano scrivere a piene mani. Mentre leggo, mi ritrovo a fantasticare come se leggessi un buon romanzo, giallo, thriller o […]

Mummia aliena non dallo spazio ma da geni difettosi


Scheletro umanoide. Mummia aliena. Sono sempre state queste la definizioni dell’esserino dal cranio allungato a forma di cono e dalle orbite oculari oblique, come una delle classiche rappresentazioni extraterrestri, trovato nel deserto cileno di Atacama nel 2003. Acquistato da un collezionista spagnolo, lo scheletrino mummificato della lunghezza di quindici centimetri ha scatenato le fantasie e le illazioni della presenza aliena sul nostro pianeta. Tanto da diventare oggetto di numerosi servizi tv, giornalistici e persino di un documentario (“Sirius” di Steven Greer). Non disponendo di dati scientifici sulla datazione dello scheletrino umanoide, qualcuno si è pure spinto a parlare dei soliti “antichi astronauti”. Di possibili incroci, ibridazioni tra terrestri e alieni, di cui lo scheletrino ora forniva l’evidente prova. Purtroppo, la storia è molto meno affascinante e, anzi, più mesta e triste. La scienza dà crude certezze a spese, a volte, della fantasia più sfrenata.

Marziani! Da una fake news all’invasione (della mente)


Oggi si parla di fake news. E non è certo roba di oggi. Miti, leggende, sette, persino religioni, per non dire movimenti politici, vivono e proliferano grazie alle fake news. Ma com’è nata la storia dei marziani? Del fatto che per molto tempo si è pensato a Marte come pianeta abitato da “omini verdi” (magari con le antennine)? Tutto nasce dall’errore del nostro astronomo Giovanni Schiaparelli che, osservando Marte con uno dei più potenti telescopi dell’epoca, disegnò le famose mappe marziane con quelli che vennero scambiati per “canali” (1878 e 1888).

Gli UFO? Meglio lasciare il mistero


Christopher Mellon non è un visionario né un mitomane. È stato vicesegretario alla difesa degli Stati Uniti per l’intelligence e in seguito per la sicurezza e le attività informatiche. Scrittore, imprenditore, formatosi alla Yale University, discendente della facoltosa famiglia Mellon (da cui l’omonima banca), Mellon fa parte della “The Stars Academy of Arts and Science”, assieme a personaggi fortemente accumunati dall’interesse per i fenomeni anomali, in particolare UFO, come l’artista, cantante, scrittore Tom DeLonge, il fisico Harold Puthoff (molto noto nell’ambiente parapsicologico perché diresse un programma di ricerca sulla “remote viewing” per la CIA), l’ex ufficiale militare dell’intelligence Luis Elizondo. Solo per citarne alcuni.

I mostri di Hitler. Intervista a Eric Kurlander: UFO, parapsicologia, New Age e immaginario soprannaturale dal nazismo ad oggi


I misteri del nazismo. Gli Ufo del Terzo Reich. I medium e glia strologi di Hitler. Film come Indiana Jones. Il nazismo non è mai passato. Quantomeno nel mescolarsi a fantascienza, fumetti, film e videogiochi. A rinascere e diffondersi attraverso una miriade di teorie complottiste: la prima intervista che Eric Kurlander concede in italiano. 

La volta che sezionarono un alieno


Ci cascò pure l’amico giornalista e conduttore tv, buonanima, Mino Damato, attratto dai temi del paranormale e dell’insolito. Parlando in una sua trasmissione Raiuno, in prima serata, all’interno del suo programma “Sognando sognando” della “autopsia di un alieno”. Uno di quelli che sarebbero stati recuperati nello schianto di un Ufo a Roswell, New Mexico, 1947. In realtà si trattava di una furbata, una grossolana messinscena, del musicista e produttore cinematografico britannico Ray Santilli. Da cui Santilli guadagnò fior di soldi (non alieni). Lo stesso Santlli dichiarò in seguito che si trattava di un falso. Facendo altri denari. Anche perché dalla vicenda venne tratto un film buffissimo: “Alien Autopsy” di Jonny Campbell (2006).